Sconfitta della Famila Muri Antichi contro la Roma Nuoto

Sconfitta della Famila Muri Antichi contro la Roma Nuoto

CATANIA – Impresa soltanto accarezzata dalla Famila Muri Antichi che contro la capolista Roma Nuoto gioca per tre tempi alla pari, recupera nel finale ma poi è costretta a cedere 7-10. Non arrivano punti ma ancora una volta la formazione di Puliafito dà l’impressione di essere in un gran momento di forma.

Forse con un pizzico di fortuna in più si poteva raccogliere qualcosa nelle ultime sfide, ma adesso è tempo già di concentrarsi per la prossima sfida esterna contro il Latina, per continuare a perseguire quell’obiettivo che porta il nome di salvezza.

Nel primo tempo c’è sostanziale equilibrio. Lapenna porta in vantaggio i suoi ma la Famila risponde subito presente sorpassando con Scebba (uomo in più) e Mulcahy (miglior realizzatore della Famila con 3 reti). Faraglia impatta sul 2 a 2 per chiudere il primo parziale. L’americano Mulcahy porta nuovamente in vantaggio i padroni di casa ma è un continuo tira e molla con la Roma che ribalta tutto con Fiorillo e Africano.

Ci pensa poi Castagna, in superiorità, a ristabilire la parità dopo due tempi (4-4). Nel terzo tempo la Roma Nuoto prova a scappare grazie alle reti di Faiella, Navarra e Fiorillo, con in mezzo la rete di Scebba che tiene ancora a galla i Muri Antichi. Un po’ di nervosismo porta a qualche espulsione di troppo ma con determinazione la Famila non ci sta e recupera nel quarto parziale fino al -1 (7-8 con 3’20” ancora sul cronometro).

La rincorsa dei Muri Antichi però si ferma qui con Lapenna che mette dentro due gol nel finale e decreta la parola fine al match.

Archiviamo ancora una volta un’altra prestazione positiva – le parole del presidente Luigi Spinnicchiama senza raccogliere punti. È un peccato perché con un po’ di fortuna poteva andare meglio. Durante la partita siamo stati anche avanti, abbiamo recuperato nel finale e non siamo stati schiacciati da una squadra di assoluto livello. Non sono queste comunque le partite da vincere. Dopo aver affrontato le migliori squadre del girone possiamo fare un bilancio: giochiamo una pallanuoto di altissimo livello, tra le migliori del campionato, questo grazie all’esperienza dei nostri giocatori e dei tecnici”.

Non voglio più parlare degli arbitri – dichiara il tecnico Puliafitoparlo dei ragazzi che per tre tempi hanno lottato alla pari contro una grande squadra. Siamo stati un po’ penalizzati e ci siamo innervositi, potevamo fare meglio ma non voglio alibi. Se commetti anche un minimo errore contro una squadra come la Roma loro ti puniscono”.

Commenti