Palermo, ormai è una certezza: al Barbera non ci si annoia mai!

Palermo, ormai è una certezza: al Barbera non ci si annoia mai!

PALERMO – Otto partite, otto vittorie! Il Palermo vola e si scrolla di dosso le inseguitrici. Bella gara ieri pomeriggio al Renzo Barbera. I rosanero hanno vinto al cospetto di un Licata ostico, combattivo e mai domo.

L’impegno profuso dai gialloblù è apparso chiaro quando, al fischio finale dell’arbitro, la maggior parte degli uomini di mister Campanella si è accasciata esausta sul campo di gioco, avendo esaurito da tempo tutte le proprie risorse fisiche e mentali.



Bella anche la cornice di pubblico, quasi 20mila spettatori, con il settore ospite pieno. I tifosi del Licata, accorsi in massa, hanno reso omaggio al popolo rosanero con uno striscione che recitava “Rispetto per chi ha fatto la storia della Sicilia intera, Licata saluta il Barbera”.

La partita ha avuto una carica emotica degna di un incontro di categoria superiore. Il Palermo ha per lunghi tratti comandato il gioco e ha sprecato parecchie occasioni da gol. Ma i primi a passare in vantaggio sono stati i licatesi a riprova del fatto che il maggior pericolo per i rosa è quello di sentirsi troppo più forti degli avversari ed eccedere in sicurezza.


Da un atteggiamento del genere è scaturito il gol del Licata: al 23° minuto del primo tempo un appoggio con il petto di Doda a Pelagotti ha smarcato Assenzio davanti al portiere rosa, che ha operato un miracolo mandando in angolo il colpo di testa ravvicinato per poi dover capitolare sul corner successivo per merito di Maltese sempre di testa.

L’immediata reazione degli uomini di Pergolizzi ha portato dapprima al pareggio con Felici che al 28° ha insaccato alle spalle di Ingrassia con un rasoterra da destra e poi con Santana che due minuti dopo ha ribaltato il punteggio con un delizioso e preciso pallonetto che ha superato il portiere avversario in uscita. Da segnalare un salvataggio miracoloso di Doda, che a due minuti dalla fine ha salvato il risultato con una scivolata su Convitto, che si apprestava a calciare in rete a colpo sicuro.

Dei rosa in ombra Ricciardo apparso poco determinato sotto rete, bene Felici e Santana in attacco. Lancini e Crivello in difesa hanno dimostrato la solita sicurezza e puntualità negli interventi. A centrocampo instancabili Martinelli e Kraja, uomo ovunque Martin.

Con il pareggio dell’Acireale in casa contro il Marina di Ragusa, il vantaggio del Palermo è salito a 8 punti sulla coppia di seconde formata dallo stesso Acireale e dal Biancavilla. A fine partita applausi per tutti e una certezza: al Barbera non ci si annoia mai!