Pagano (Club Barriera Battiati): “Catania merita rispetto, paghino i dirigenti”

Pagano (Club Barriera Battiati): “Catania merita rispetto, paghino i dirigenti”

CATANIA – Tanta rabbia ed amarezza tra i tifosi rossoazzurri. Una bomba è autenticamente esplosa ai piedi dell’Etna, il Catania è al centro dell’inchiesta ‘I treni del gol’ con presunte partite del campionato di Serie B 2014/2015 comprate. Igor Pagano, tifoso della squadra dell’Elefante in Curva Nord, Presidente Onorario del Club Barriera Battiati e conduttore radiofonico, manifesta il proprio sconforto per quanto accaduto nelle ultime ore con l’arresto ai domiciliari dei vertici societari del Catania. Speranzoso che siano i dirigenti a pagare, non la tifoseria.

Igor, come hai accolto la notizia degli arresti di Pulvirenti, Cosentino e dell’ex d.s. catanese Delli Carri?
“Se qualcuno deve pagare, mi aspetto che paghino i dirigenti e l’auspicio è che Pulvirenti si dimetta. Catania non merita questo sputtanamento”.




Quant’è grande la delusione?
“Sinceramente la delusione è totale. Catania ha la fortuna di avere una tifoseria da Serie A e sarebbe assurdo che a pagare siano i tifosi”.

C’è il rischio concreto di retrocedere in Lega Pro…
“Ricordo che il Bari fu coinvolto in uno scandalo legato al calcioscommesse, con il risultato d’infliggere solo sei punti di penalizzazione alla squadra biancorossa pugliese, quindi voglio sperare che il Catania non vada in Lega Pro e, magari, riceva non più di 9-10 punti di penalità. Ci vuole rispetto”.


Come reagirebbe il tifoso di fronte ad un’eventuale retrocessione?
Il tifoso del Catania non ha bisogno di presentazioni e seguirebbe i colori rossoazzurri ovunque. Anche nei campionati di Eccellenza e Serie D abbiamo dimostrato il nostro amore, sempre. Non è giusto toccare la tifoseria, non possiamo andare in Lega Pro! Tanta gente fa sacrifici per seguire questa squadra”.

Commenti