Catania – Taranto, le probabili formazioni

Catania – Taranto, le probabili formazioni

CATANIA – Oggi inizia il campionato 2.0 del Catania alla guida del nuovo tecnico rossazzurro, Mario Petrone.

Avversario di giornata il Taranto, che in trasferta ha fermato le due siciliane affrontate fin qui fuori dallo “Iacovone” sullo 0-0. Entrambe le squadre cercano dei punti importanti per il raggiungimento dei loro obiettivi: da un lato il Catania, voglioso di rifarsi dopo la sconfitta di Agrigento nel derby, è in cerca dei tre punti per salire ancora di più nelle zone playoff; dall’altro il Taranto è in fiducia con il nuovo allenatore Ciullo, capace di sconfiggere in casa il Foggia.

Andiamo a scoprire quali potrebbero essere le scelte dei due tecnici.

Si è pensato molto al possibile undici che Petrone potrà schierare e la soluzione sembra essere il 4-2-3-1, con i tre “Andrea”, Russotto, Mazzarani e Di Grazia, come trequartisti alle spalle di Demiro Pozzebon. Il nuovo mister etneo ridisegna la difesa ma non troppo, puntando su Djordjevic e Parisi sugli esterni e sulla coppia centrale Gil-Marchese, vista la squalifica di Bergamelli. A centrocampo, spazio al duo Biagianti-Bucolo, che torna a giocare dopo alcune assenze dal campo. Pisseri, ovviamente, non si tocca.

Salvatore Ciullo cerca conferme e opterà per un 4-3-3 probabilmente senza Nigro e Viola dal primo minuto. Som invece non ci sarà poiché infortunato. Blocco difensivo confermato con De Giorgi e Pambianchi come terzini ed il duo Stendardo-Altobello al centro. Centrocampo ben assortito con Lo Sicco, Guadalupi e Maiorano. A prendere il posto del bomber tarantino Viola potrebbe essere Potenza. Lorenzo Paolucci sarà la punta centrale. Spazio in attacco anche per Magnaghi.

PROBABILI FORMAZIONI

CATANIA (4-2-3-1): Pisseri; Djordjevic, Gil, Marchese, Parisi; Biagianti, Bucolo; Mazzarani, Russotto, Di Grazia; Pozzebon. All. Petrone

TARANTO (4-3-3): Maurantonio; De Giorgio, Altobello, Stendardo, Pambianchi; Guadalupi, Lo Sicco, Maiorano; Potenza, Paolucci, Magnaghi. All. Ciullo

Commenti