Catania, tra mercato e campo si pensa al Lanciano

Catania, tra mercato e campo si pensa al Lanciano

CATANIA – Concentrazione alta in casa Catania. Impazza il calciomercato che tra pochi giorni chiuderà i battenti, ma Pellegrino richiede ai suoi giocatori di pensare interamente al lavoro sul campo. Del resto se ne occupa la società, che nelle prossime ore proverà a formalizzare l’accordo con il Chievo per il trasferimento dell’esterno offensivo Dejan Lazarevic ed effettuerà altri movimenti sia in entrata che in uscita.

Intanto è da considerarsi ufficiale l’ingaggio del ventunenne centrocampista argentino Gonzalo Escalante, talento cristallino di proprietà del Boca Juniors che, a completamento del periodo di prova sostenuto a Torre del Grifo, è stato tesserato a titolo temporaneo. Si aggiunge una valida alternativa nel contesto di un centrocampo orfano di Lodi, ceduto al Parma, ma rinvigorito soprattutto dal ritorno di Fabian Rinaudo

In vista di Catania-Lanciano, nel frattempo, Pellegrino valuta la formazione da opporre all’insidioso avversario abruzzese.

In difesa pare obbligata la scelta di puntare su Peruzzi, Spolli, Sauro e Monzon con Frison e Terracciano in ballottaggio, Gyomber e Rolin fisicamente non ancora al top.

Rinaudo guiderà un centrocampo in cui scalpitano Calello, Chrapek e Martinho. Permangono dubbi sulle condizioni di Almiron.

Nel reparto offensivo Marcelinho e Castro concorrono per il posto da titolare e Leto non è ancora pienamente recuperato.

Per il resto, spazio alla coppia formata da Calaiò e Rosina, pezzi pregiati del mercato rossoazzurro nonché acquisti low cost fortemente voluti dal Presidente Pulvirenti.

Commenti