Catania, con il mercato via gli ingaggi pesanti e dentro elementi congeniali: Lucarelli disegna il suo "nuovo" 4-2-3-1 - Newsicilia

Catania, con il mercato via gli ingaggi pesanti e dentro elementi congeniali: Lucarelli disegna il suo “nuovo” 4-2-3-1

Catania, con il mercato via gli ingaggi pesanti e dentro elementi congeniali: Lucarelli disegna il suo “nuovo” 4-2-3-1

CATANIA – Inizia a cambiare volto il Catania di Cristiano Lucarelli in questi primi giorni di calciomercato. Priorità irrinunciabile, per la società di via Magenta, quella di alleggerire il monte ingaggi della rosa attualmente a disposizione del tecnico per fare fronte alle evidenti difficoltà economiche affrontare dai rossazzurri in queste settimane.

Tra le cessioni effettuate finora dalla società etnea spiccano certamente quei nomi che, nel corso di questi mesi, non hanno trovato continuità e spazio necessari all’interno dello scacchiere tattico dell’allenatore toscano.

I primi a salutare Torre del Grifo, “quartier generale” della formazione rossazzurra, sono stati l’attaccante Mattia Rossetti e il centrocampista Christian Llama. Il primo, mai sceso in campo nel corso della stagione, ha lasciato la città dell’elefante direzione ACR Messina. Il secondo, invece, si è svincolato di comune accordo con gli etnei per tornare nella patria Argentina.

A ruota, sono arrivati gli addii che infoltivano la “ricca” panchina rossazzurra. Saluti quasi in contemporanea, dunque, per i catanesi di nascita Saro Bucolo ed Emanuele Catania, divenuti atleti della vicina Sicula Leonzio. Nel mezzo, anche la cessione di Giuseppe Fornito al Rende.


Con il magone in gola è stata, poi, la partenza del regista Francesco Lodi. Il centrocampista etneo si è congedato dalla città dell’elefante dopo 206 presenze in rossazzurro impreziosite da 50 reti, di cui 21 su punizione, e 44 assist.

Sul fronte arrivi, comunque, il Catania non è rimasto a guardare. Riaccolto ai piedi dell’Etna il giovane Kalifa Manneh, nelle ultime ore in Sicilia si sono presentati anche il centrocampista Bruno Vicente, proveniente dalla Juve Stabia, e il trequartista Alessio Curcio dal Vicenza.

Tutti giocatori particolarmente congeniali per il credo tattico di Cristiano Lucarelli, deciso a proseguire sulla strada del 4-2-3-1 tracciata sul finire del 2019. Meno giocate di fino, più muscoli e determinazione per tentare di raddrizzare una stagione contraddistinta da alti e bassi.

Immagine di repertorio

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com