"Magnificat" in scena al Teatro Antico di Taormina

“Magnificat” in scena al Teatro Antico di Taormina

“Magnificat” in scena al Teatro Antico di Taormina

TAORMINA – Domani sera, alle ore 21.00, nell’incantevole cornice del Teatro Antico di Taormina, andrà in scena il “Magnificat“.


I ragazzi dell’associazione culturale Nèon – che quest’anno celebra 25 anni di “Teatro delle Diversità” – vestiranno i panni di attori, cantanti e ballerini in una rappresentazione che mette a nudo il genere umano nella sua straordinaria unicità.


La regia di Monica Felloni e la direzione artistica di Piero Ristagno metteranno in scena la comunicazione tra individui oltre ogni codificazione.

Lo spettacolo è “dedicato alla vita, all’umanità nelle infinite forme, all’utopia di pace. Che si stampi negli occhi e nelle pietre il profondo parlare difforme, che restino orme di zoppìe impenitenti e sentieri nell’aria per carrozzelle disancorate. Che la poesia prevalga, debordi dai corpi e inondi l’intero Teatro…”, commenta Piero Ristagno.

[wpvp_embed type=youtube video_code=pf_Q3FN750Y width=670 height=377]

Sul palco nessuna rappresentazione, ma invenzione di se stessi. Gli attori nascono nella gestualità del momento, nella danza che celebra la grazia dell’essere umano, nel canto che inneggia alla vita.

Lo spettatore ha la sensazione che ciò che avviene sulla scena stia accadendo in quel momento come un atto sorgivo che si fa parola o gesto. Si ha la percezione di trovarsi dinanzi ad un evento imponderabile come una nascita o una morte”, osserva Chiara Tinnirello ne “La Grandezza di Vivere”.

Per sostenere la realizzazione di Magnificat nasce “Sostieni Magnificat”, una campagna sociale di finanziamento collettivo, grazie alla quale sarà possibile dare il proprio contributo, anche di pochi euro, per aiutare l’associazione a sostenere alcuni costi indispensabili legati all’evento: costumi di scena, il service audio/luci, le scenografie e gli oggetti scenici, i trasporti per gli attori disabili, gli assistenti di scena e lo staff nel giorno della prova generale e dello spettacolo.