Con “Novecento” riparte la stagione del Teatro Stabile di Mascalucia

Con “Novecento” riparte la stagione del Teatro Stabile di Mascalucia

MASCALUCIA – Dopo il momento buio del lockdown il Teatro Stabile di Mascalucia ritorna in scena venerdì 17 luglio, ore 21, al parco Trinità Manenti con “Novecento” di Alessandro Baricco diretto e adattato per le scene da Rita Re, direttore artistico della Compagnia fondata dal padre Mario.


La pièce che narrerà una delle storie più commoventi mai raccontate prima è il primo dei tre appuntamenti in programma, che vedrà l’intera compagnia impegnata in altri due lavori: “Colpi di quarantena“, spettacolo del laboratorio teatrale, in scena venerdì 31 luglio; “Il cappello di carta” di Gianni Clementi in scena sabato 1 agosto alle ore 21.


Novecento – dichiara la regista Rita Re – è la storia di un viaggio incantevole, a cui daremo vita così come l’autore l’ha scritta, con un linguaggio che la rende vera e allo stesso tempo magica”. Un cammino a volte turbolento, a volte tranquillo, tra le cuccette di terza classe e i primi tre gradini della scala d’accesso alla nave, che conducono alla vita e poi indietro, ancora su per il salone di prima classe fino alla stiva tra il carbone nero della sala macchine. “Grande importanza avrà il ruolo della musiche – continua Rita Re – composte appositamente per lo spettacolo dal Maestro Giuseppe Palmeri e incise con Rosario Battiato alla tromba e Alessandro Longo al violoncello, con le coreografie di Alice Sapienza e Chiara Platania della Moonwalk Dance Studio, per impreziosire l’interpretazione di Andrea Luca e Andrea Zappalà, protagonisti della pièce, coadiuvati da un nutrito gruppo di dodici attori”. Ed ancora aggiunge: “Da siciliana non posso non pensare che le emozioni di tutti coloro che sognavano l’America, potevano essere anche quelle dei nostri nonni, a cui dedico questo spettacolo”.


Ingresso gratuito.