Succede a Siracusa e provincia: 28 settembre MATTINA

Succede a Siracusa e provincia: 28 settembre MATTINA

SIRACUSA – Ecco le operazioni condotte dai carabinieri e dalla Polizia di Stato a Siracusa e provincia:


  • A Pachino, i carabinieri della locale Stazione hanno arrestato, in ottemperanza di ordine di esecuzione pena emesso dalla Procura della Repubblica di Siracusa, Francesco Zocco, 53enne, già noto alle forze dell’ordine. L’uomo deve scontare la pena detentiva di 5 anni e 6 mesi di reclusione per i reati di furto aggravato e violenza sessuale commessi tra il 2010 ed il 2015 a Pachino. Condotto in caserma, l’uomo è stato arrestato e, concluse le formalità di rito, rinchiuso nel carcere Cavadonna di Siracusa;
  • la Stazione di Francofonte, a conclusione di attività info-investigativa, ha arrestato in flagranza di reato Antonino Tuzza, disoccupato 47enne già noto alle forze dell’ordine. L’uomo, a seguito di perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di 500 grammi di marijuana, 70 di cocaina, 60 di sostanza da taglio nonché di ingente materiale utile al confezionamento delle dosi. Nella perquisizione, unitamente alla droga è stata posta sotto sequestro anche la somma contante di 3.400 euro, trovata nell’appartamento e ritenuta provento di pregressa attività di spaccio. Le operazioni nell’abitazione del pregiudicato si sono concluse con l’ulteriore rinvenimento di due pistole a salve prive del tappo rosso. L’arrestato è stato rinchiuso nel carcere di Siracusa-Cavadonna;
  • nonostante i numerosi provvedimenti di DASPO urbano cui sono destinatari, due noti soggetti, rispettivamente di 37 e 38 anni, sono stati sorpresi dagli uomini delle Volanti ad esercitare abusivamente l’attività di parcheggiatori nei pressi della zona archeologica del Teatro Greco. Per i due molesti individui è scattata la denuncia in stato di libertà;
  • un siracusano di 41 anni, non rassegnandosi alla fine del rapporto amoroso con la sua ex compagna, una donna di 28 anni, poneva in essere nei suoi confronti atteggiamenti dal marcato carattere persecutorio tanto che, nei suoi confronti, era stato emesso un provvedimento di non avvicinamento alla donna. Nonostante i divieti, l’uomo ha continuato con le sue azioni moleste e, pertanto, gli Agenti delle Volanti lo hanno denunciato in stato di libertà.