Siracusa: concluse indagini su caso Gettonopoli

Siracusa: concluse indagini su caso Gettonopoli

SIRACUSA – La Procura di Siracusa ha notificato gli avvisi di conclusione sulle indagini a 39 dei 40 consiglieri comunali insediati subito dopo le amministrative 2013 del Comune di Siracusa nell’ambito dell’indagine chiamata “Gettonopoli”.


Al termine di due anni di indagine ai consiglieri viene contestato l’abuso d’ufficio in concorso e continuato per la violazione della legge regionale del 2000 e del regolamento delle commissioni consiliari.  A tutti è contestato l’abuso d’ufficio in concorso e continuato per la violazione della legge regionale del 2000 e del regolamento delle commissioni consiliari per aver ottenuto il gettone di presenza anche con sedute rinviate per mancanza di numero legale. 


L’inchiesta è nata dalla denuncia del Movimento 5 Stelle in merito alle oltre mille riunioni in un anno svolte dai consiglieri tra sedute di commissione e di Consiglio. 

In sostanza secondo l’accusa avrebbero ottenuto il gettone di presenza anche con sedute rinviate per mancanza di numero legale o in cui non era stata svolta alcuna attività o per aver partecipato a sedute utili solo all’approvazione dei verbali precedenti, causando un danno erariale. Le spese furono di oltre 600 mila euro l’anno. I consiglieri avranno ora venti giorni di tempo per presentare tramite i loro legali una memoria difensiva o per farsi interrogare.