Petrolchimico Priolo, programmato lo sciopero dei lavoratori

Petrolchimico Priolo, programmato lo sciopero dei lavoratori

SIRACUSA – È stato proclamato per venerdì 18 novembre lo sciopero generale di tutte le categorie impegnate nell’area del petrolchimico di Priolo.

La gravissima crisi che investe l’intera area industriale siracusana, con la preoccupazione crescente per il blocco delle attività a seguito dell’annunciato embargo sul petrolio russo a partire dal prossimo 5 dicembre, rischia di mettere in ginocchio l’intero sistema economico del nostro territorio e pregiudicarne le prospettive future“, scrivono i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Roberto Alosi, Vera Carasi e Luisella Lionti.


È per questo che i lavoratori e i sindacati scenderanno a manifestare. Il corteo inizierà alle 9 dal piazzale Marconi di Siracusa, fino ad arrivare a piazza Archimede, sede della Prefettura.

La partita in gioco – affermano i tre segretari – coinvolge oltre 12mila lavoratori con le loro famiglie e mette in discussione il 51% dell’intero Pil provinciale. L’assenza di politiche industriali certe da parte dei Governi regionali e nazionali accrescono il disorientamento del sistema delle imprese, dei lavoratori e dell’intera nostra comunità“.

“La particolare fragilità che oggi attraversa il nostro distretto industriale, interessato anche da importanti interventi della Magistratura, richiede una mobilitazione pubblica quanto più ampia ed inclusiva possibile in grado di imporre in cima all’agenda politica dei Governi la delicatissima crisi, senza precedenti, che oggi attanaglia il nostro contesto industriale” concludono i segretari generali.

Foto di repertorio