Il mondo del giornalismo piange Turi Maiorca: critico pensatore e attento scrittore

Il mondo del giornalismo piange Turi Maiorca: critico pensatore e attento scrittore

SIRACUSA – È morto ieri il giornalista siracusano Turi Maiorca, di 84 anni. Era noto nel suo settore, in quanto storico collaboratore de La Sicilia, era stato anche un funzionario dell’Inps di Siracusa e direttore della rivista Prospettive, edito dalla Camera di Commercio.

Collaboratore anche con il quotidiano Libertà, autore di diversi volumi, alcuni dei quali dedicati alla storia del polo petrolchimico siracusano e nel 1984 ha pubblicato il libroGente di mare“.


Su Facebook Assostampa Siracusa dedica delle parole alla scomparsa del giornalista: “Una giornata tristissima e dolorosa. La scomparsa di Turi Maiorca porta via un pezzo di storia del giornalismo siracusano, un attento osservatore degli avvenimenti di questa terra, un collega che è stato esempio, un amico con il quale molti di noi hanno avuto la fortuna di confrontarsi ricevendo consigli“.

Non ha mai pensato – si legge ancora – di scostare il suo sguardo dalla città nonostante l’età. È rimasto critica pensante e giornalista appassionato fino allultimo. Un esempio di quella professione fatta di ricerca, di attesa della conferma alle notizie che era già riuscito ad avere sulleconomia industriale o su alcune opere da realizzare in città tanto da ricevere anche lettere minatorie per la minuziosità dei suoi scritti. Un abbraccio alla famiglia che per lui è stata sempre motivo di vanto e orgoglio. Ciao Turi“.

I funerali del giornalista, per dargli un ultimo saluto, saranno celebrati martedì a Siracusa nella chiesa del Pantheon.

In foto Turi Maiorca