Blitz antidroga ad Augusta, carabiniere attestava controlli ma non li effettuava: indagato e sospeso

Blitz antidroga ad Augusta, carabiniere attestava controlli ma non li effettuava: indagato e sospeso

AUGUSTA – Il gip del Tribunale di Siracusa ha emesso una misura cautelare nei confronti di un carabiniere, in servizio ad Augusta, nell’ambito dell’inchiesta su un traffico di droga che si è concluso nei giorni scorsi con 15 misure cautelari, di cui 9 arresti.

Il militare dovrà rispondere di falso ideologico in atto pubblico ed è stato sospeso dall’esercizio del pubblico servizio per 10 mesi.


Secondo quanto emerge, il carabiniere non avrebbe avuto un ruolo nello spaccio ma, nel periodo tra marzo e giugno del 2020, avrebbe attestato falsamente di aver compiuto dei controlli nelle abitazioni di alcune persone, sottoposte agli arresti domiciliari, le stesse finite nell’inchiesta sul traffico di droga della Procura di Siracusa e dei carabinieri del comando provinciale di Siracusa.

Nell’ordinanza si legge: “Il quadro indiziario accusatorio trova un supporto documentale dall’analisi incrociata dalle riprese effettuate da alcune telecamere istallate nei pressi delle abitazioni di alcuni degli indagati e la verifica degli ordini di servizio sottoscritti dal brigadiere”.