Controlli Covid Sicilia, chiuso noto bar/tabacchi: assembramento di clienti per l’estrazione del Lotto

Controlli Covid Sicilia, chiuso noto bar/tabacchi: assembramento di clienti per l’estrazione del Lotto

SIRACUSA – Continuano serrati i controlli anti-Covid in tutta la provincia e purtroppo continuano a registrarsi episodi di superficiale, ma pericolosa, violazione delle norme, nonostante i richiami e le esortazioni al buon senso ed il preoccupante quadro epidemico.

A Floridia, dove già la scorsa settimana è stata chiusa una ludoteca in cui era stata organizzata una festa di compleanno “clandestina” con 10 adulti e 15 bambini, 7 persone sono state sorprese all’interno di un bar/tabacchi mentre erano intente a consumare cibo e bevande ed ad attendere l’estrazione del “lotto alle dieci”, in spregio a tutte le normative che vietano gli assembramenti.


I carabinieri hanno subito sanzionato tutti e sette gli avventori e hanno elevato analoghe sanzioni anche al suo gestore e all’attività commerciale, procedendo contestualmente alla sua immediata chiusura, in via provvisoria, per 5 giorni, alla quale seguiranno le ulteriori determinazioni prefettizie in termini di sanzioni accessorie (sospensione dell’attività fino a 30 giorni).

In zona Ortigia invece 4 soggetti sono stati sorpresi mentre erano intenti a svolgere porta a porta attività di vendita di energia elettrica, con proposte di contratti commerciali. Dall’analisi dei codici ATECO è risultato che tale attività si deve in questo periodo svolgere solo tramite contatti telefonici, non certamente spostandosi casa per casa, e pertanto sono state elevate anche nei loro confronti le previste contravvenzioni.

Anche nella parte sud della provincia i carabinieri della Compagnia di Noto (SR) hanno effettuato numerosi controlli agli esercizi commerciali e alle persone per verificare il rispetto della zona rossa. Ben 13 sono state, in poche ore, le sanzioni comminate ai cittadini che, prevalentemente a bordo di auto, transitavano per i centri storici e le principali arterie stradali senza poter addurre motivazioni rilevanti.

Molte altre persone controllate dai militari hanno presentato l’autocertificazione e ora le loro dichiarazioni passeranno al vaglio delle competenti Stazioni carabinieri, delegate dal comando compagnia di Noto a verificare la fondatezza dei dati ivi riportati.