Maria Falcone sulle regionali: “Per tenere la mafia alla larga bisogna scegliere i candidati giusti”

Maria Falcone sulle regionali: “Per tenere la mafia alla larga bisogna scegliere i candidati giusti”

PALERMO – Lascia davvero sbigottiti – ha dichiarato Maria Falcone, sorella del magistrato ucciso dalla mafia che, dopo tutto quello che è accaduto nella nostra terra, dopo gli omicidi di esponenti istituzionali per mano mafiosa, dopo le stragi, la politica non abbia ancora preso coscienza della necessità di tenere alta la vigilanza per scongiurare le infiltrazioni mafiose, cominciando da una scelta oculata dei candidati“.

Maria Falcone, presidente della Fondazione Giovanni Falcone, si è espressa così a seguito dell’arresto per voto di scambio di un candidato all’Ars dei Popolari Autonomisti.


È evidente che Cosa nostra punta ai fondi del PNNR, se non ce lo avessero detto gli investigatori, ce lo direbbero le intercettazioni. L’antimafia proclamata, che grida al rischio che le mani dei clan arrivino ai fondi europei non serve se poi nei luoghi in cui si prendono le decisioni i partiti mandano persone che non sono più che specchiate“.

Spiace infine – conclude – che dopo i gravissimi episodi degli ultimi due giorni le reazioni della politica siano state rare e blande. Non voglio pensare che ci si stia assuefacendo a un ritorno al passato più buio della nostra Sicilia“.

Foto di repertorio