La Sicilia al voto per politiche e regionali: urne aperte fino alle 23

La Sicilia al voto per politiche e regionali: urne aperte fino alle 23

SICILIA – Seggi aperti dalle 7 di questa mattina e fino alle 23 anche in Sicilia, dove oltre che per le politiche si vota anche per l’elezione del Presidente della Regione e per il rinnovo dell’Assemblea regionale siciliana.

Dopo la chiusura dei seggi si cominceranno a scrutinare le schede per le Politiche, per le Regionali si dovrà attendere le 14 di lunedì.


Sono 6 i candidati governatori e circa 900 aspiranti ai 70 posti da deputato regionale. Corrono per succedere a Nello Musumeci a Presidente della Regione: Renato Schifani (Centrodestra), Caterina Chinnici (Pd e Centopassi), Nuccio Di Paola (M5s), Cateno De Luca (Sicilia Vera), Gaetano Armao (Azione – Italia Viva) ed Eliana Esposito (Indipendentisti Siciliani liberi).

Il sistema elettorale in Sicilia prevede un solo turno con metodo misto, senza ballottaggio. Saranno chiamati a votare 4.606.564 aventi diritto, così distribuiti: 2.237.169 maschi e 2.369.395 femmine. Il totale delle sezioni da scrutinare è 5.294 in tutta la regione.

La scheda è unica, ma l’elettore dispone di due voti: uno per la scelta della lista regionale, il cui capolista è candidato a Presidente della Regione, l’altro per la scelta della lista provinciale e in questo caso si può esprimere la preferenza per un candidato alla carica di deputato regionale. È prevista la possibilità di esprimere il voto disgiunto.

Per l’elezione dei 70 deputati dell’Assemblea regionale siciliana (Ars) è adottata la seguente ripartizione: 62 seggi sono attribuiti con il sistema proporzionale puro e soglia di sbarramento al 5 per cento a livello regionale (16 a Palermo, 13 a Catania, 8 a Messina, 6 ad Agrigento, 5 a Siracusa e a Trapani, 4 a Ragusa, 3 a Caltanissetta e 2 a Enna); un seggio spetta al candidato governatore arrivato secondo nelle preferenze; un seggio spetta al candidato alla presidenza della Regione eletto; sei seggi vengono assegnati all’interno della lista regionale del candidato presidente (cosiddetto listino). Quest’ultima è una lista bloccata che funziona da premio di maggioranza e consente alla coalizione collegata al Presidente della Regione eletto di ottenere al massimo 42 seggi all’Ars.

I seggi non utilizzati sono distribuiti, con criterio proporzionale, alle liste di minoranza che abbiano superato lo sbarramento. È proclamato Presidente della Regione il capolista della lista regionale che ottiene il maggior numero di voti validi.