Muore al Policlinico un anziano investito: maxi-risarcimento per i familiari di un’altra vittima della strada

Muore al Policlinico un anziano investito: maxi-risarcimento per i familiari di un’altra vittima della strada

SICILIA – Nella terapia intensiva del Policlinico di Messina è morto oggi Diego Pannuccio, 85 anni: era ricoverato dallo scorso 28 settembre quando è stato investito da una moto sul viale Giostra mentre attraversava la strada.

Le condizioni dell’uomo erano apparse subito gravi ed era stato trasportato d’urgenza al Policlinico. Era rimasto ferito, ma in modo lieve, anche il motociclista, un 45enne messinese ora indagato per omicidio stradale.


Il risarcimento di un milione e mezzo di euro

Restando in tema di omicidi stradali, sono stati invece risarciti con 1, 5 milioni di euro i familiari di Meftah Moussa che il 15 gennaio 2015, a Santa Croce Camerina (Ragusa), fu investito con il fratello mentre andava a lavoro in bicicletta.

Meftah morì all’istante, mentre il fratello Sabeur rimase ferito in modo lieve. Fin dall’inizio emerse la difficoltà di risalire all’identità dell’automobilista che scappò via, lasciando i due fratelli investiti sul ciglio della strada.

Anche se il colpevole rimase senza volto, a distanza di sette anni, la famiglia Moussa, assistita da Giesse risarcimento danni, è riuscita a ottenere un risarcimento pari a oltre un milione e mezzo di euro. La sentenza è stata emessa dal Tribunale civile di Ragusa.

A pagare il risarcimento ai 13 familiari della vittima che si sono costituite in giudizio – i genitori, otto fratelli, la moglie e tre figlie minorenni – sarà il Fondo di garanzia per le vittime della strada.