Sequestrati 8.500 chili di pesce in Sicilia: non tracciato e congelato già scaduto

Sequestrati 8.500 chili di pesce in Sicilia: non tracciato e congelato già scaduto

SICILIA – Sequestrati 8.500 chili di pesce non tracciato e conservato nei congelatori oltre la data di scadenza.

Ad operare, sia a Palermo che in provincia di Trapani, è stata la Capitaneria di Porto della Sicilia occidentale.


Nel porto del capoluogo siciliano in un furgone sono stati trovati 15 esemplari di tonno alalunga non tracciati. Il conducente è stato multato e i 220 chili di tonno sono stati sequestrati e devoluti al Banco Alimentare.

Controlli anche al mercato ittico di Palermo dove sono stati multati due commercianti: uno con del tonno rosso, mentre nei banchi sono stati trovati e sequestrati 1.300 chili di prodotti ittici senza etichettatura e tracciabilità.

A Mazara del Vallo, invece, durante l’ispezione in un centro all’ingrosso, sono stati sequestrati 5.200 chili di pesce in parte non tracciato e in parte scaduto.

Nel corso dell’operazione sono state 200 le ispezioni, 58 le sanzioni amministrative per 84.000 euro e 47 sequestri per un totale di 8.500 chili di pesce.

Foto di repertorio