Caro bollette, la Sicilia scende in piazza: grande mobilitazione in programma

Caro bollette, la Sicilia scende in piazza: grande mobilitazione in programma

PALERMO – Una grande mobilitazione si svolgerà lunedì 7 novembre in Sicilia. Promossa dalle associazioni datoriali e sindacali di categoria.

Per fare sentire la voce della Sicilia che lavora, che produce, che soffre gli effetti della crisi energetica.


Per dire no al caro bollette che ha ridotto in ginocchio le imprese, i lavoratori che rischiano anche di subire i contraccolpi delle crisi aziendali, le famiglie.

I vertici di Confcommercio Sicilia, Cna Sicilia, Confartigianato Sicilia, Confindustria Sicilia, Cidec, Confesercenti Sicilia, Claai Sicilia, Uiltucs Sicilia, Cgil Sicilia, Casartigiani Sicilia e Confagricoltura Sicilia si sono riuniti in videoconferenza per decidere la data di una manifestazioneche intende lasciare il segno – si legge in una nota – al fine di lanciare un chiaro segnale ai Governi regionale e nazionale: così non si può più andare avanti, servono provvedimenti immediati”.

In questo mese, sarà messa in moto la macchina dell’organizzazione, saranno coinvolti quanti più associati e iscritti, sarà delineata con cura la piattaforma rivendicativa e predisposta una strategia di sensibilizzazione nei confronti delle istituzioni.

L’auspicio, tra l’altro, è che in quella data siano già operativi entrambi gli esecutivi sia a Palermo che a Roma, così da presentare istanze specifiche rispetto a una continua escalation che non risparmia nessun tipo di attività, nessuna comunità, e che ha reso l’inseguimento alla sostenibilità economica una sorta di miraggio.

Le famiglie hanno difficoltà ad arrivare a fine mese, molte imprese hanno deciso di chiudere temporaneamente (qualcuna anche in via definitiva) in attesa di tempi migliori.

Ma è chiaro che a farne le spese sarà il tessuto produttivo siciliano in un periodo, tra l’altro, caratterizzato da tensioni inflazionistiche che hanno spinto gli operatori economici a riorganizzarsi, anche sul piano dei prezzi, con ricadute di un certo tipo sui consumatori e sulle stesse famiglie.

Insomma, un circuito tutt’altro che virtuoso che rischia di avere conseguenze drammatiche sulle prospettive di crescita dell’Isola che, pure, dopo la pandemia, erano state individuate come positive.

Le sigle promotrici della giornata di mobilitazione fanno sapere di essere già al lavoro per ampliare la base della partecipazione, così da garantire una risposta massiccia a sostegno delle esigenze di tutto il tessuto sociale e produttivo siciliano, famiglie, anziani, lavoratori, imprese.

Il secondo step sarà una riunione organizzativa in programma già per la prossima settimana.

La Cisl Sicilia interviene sul tema del caro energia. Esprime solidarietà alle famiglie dei lavoratori e alle piccole e medie imprese. Chiede misure di sostegno. E che si acceleri sugli investimenti in infrastrutture energetichea partire dalle energie rinnovabili, dai combustibili verdi e da rigassificatori, termovalizzatori, maggiore estrazione di gas“.

Si dia subito corso a misure di sostegno a imprese e famiglie, lavoratori e pensionati. In Sicilia si acceleri sugli investimenti in infrastrutture energetiche a partire dalle energie rinnovabili, dai combustibili verdi e da rigassificatori, termovalizzatori, maggiore estrazione di gas. Sul fronte nazionale si metta in conto una nuova cassa integrazione scontata per le aziende che non licenziano oltre a provvedimenti per l’integrazione del reddito delle persone“.

Questo è quanto si legge in una nota della Cisl Sicilia che interviene sul tema del caro energia denunciando, per voce di Sebastiano Cappuccio segretario generale e Paolo Sanzaro componente della segreteria regionale, “il disagio sociale aggravato nell’Isola dalle bollette stellari che da qualche tempo hanno preso ad arrivare“.

Un’emergenza, rimarca il sindacato, che rischia di mettere in ginocchio l’intera economia siciliana; di far saltare i bilanci di famiglie e imprese. Di allargare il divario sociale e occupazionale tra il sud e il nord.

Così, la Cisl lancia un grido d’allarme. E alla Regione Siciliana chiede “di attivarsi subito. E che, non appena il governo sarà formalmente insediato, apra un tavolo sul tema a Palazzo d’Orleans e intervenga su Roma affinché all’ordine del giorno del nuovo governo sia inserita la questione della sopravvivenza di famiglie e imprese siciliane“.

La Cisl esprime solidarietà ai tanti nuclei familiari che versano in seria difficoltà e alle piccole e medie imprese che si trovano in gravi condizioni. E sollecita la messa a punto di nuove politiche industriali, infrastrutturali ed energetiche.

Da organizzare e condividere“, puntualizza il sindacato. Che rivendica anche “un tetto sociale al costo dell’elettricità, l’azzeramento Iva sugli acquisti di beni di largo consumo per le fasce deboli“. E una nuova politica industriale ed energeticanel segno della sostenibilità e dell’economia circolare” .