Coronavirus, la Sicilia vicinissima alla zona gialla a causa dei troppi contagi: ecco cosa cambia

Coronavirus, la Sicilia vicinissima alla zona gialla a causa dei troppi contagi: ecco cosa cambia

SICILIA – Sarà la Sicilia la prima Regione italiana a tornare in zona gialla dopo l’istituzione della zona bianca nazionale dello scorso giugno.

A far propendere per il cambio di colore è stato il recente dato dei contagi raccolto in questi giorni, un dato fin troppo preoccupante per essere ignorato.


L’Isola, infatti, avrebbe sforato il dato massimo dei ricoveri ordinari Covid in ospedale per rimanere in zona bianca. La Sicilia, al momento, conterebbe il 17% (contro il limite del 15%). Anche per quanto riguarda le Terapie Intensive l’Isola ha toccato quota 10%, altro limite massimo.

Ma cosa cambierà adesso? In base alle norme previste per l’ingresso della zona gialla, verrà ripristinato l’obbligo della mascherina sia negli ambienti aperti sia negli ambienti chiusi.

Cinema, teatri e musei rimarranno aperti, ma la distanza tra gli spettatori dovrà essere di un metro e la capienza non dovrà superare il 50%. Dovrà essere rispettata la capienza massima di 1.000 persone all’aperto e 500 al chiuso, con l’obbligo di indossare la mascherina.

Varierà, inoltre, il numero di clienti che potranno rimanere ai tavoli di bar e ristoranti a un massimo di 4 persone. Sarà comunque consentito spostarsi da Regione a Regione e non sarà in vigore il coprifuoco, abolito nelle scorse settimane.

Immagine di repertorio