Università di Catania, no tax area fino a 20mila euro: la metà degli studenti l’anno prossimo non pagherà tasse

Università di Catania, no tax area fino a 20mila euro: la metà degli studenti l’anno prossimo non pagherà tasse

CATANIA – Nuove e importanti misure economiche dell’Università di Catania a beneficio degli studenti per il prossimo anno accademico.


Il Consiglio di amministrazione dell’Ateneo ha approvato questo pomeriggio l’estensione della No tax area dalla soglia precedente di 14mila euro fino a 20mila euro, sulla base dell’indicatore Isee relativo al nucleo familiare dello studente, così come previsto dalle recenti disposizioni del Ministero dell’Università.


Dal prossimo anno – spiega il rettore Francesco Prioloaltri cinquemila studenti saranno totalmente esonerati dal pagamento del contributo onnicomprensivo annuale, portando così il numero degli esenti a circa 21mila, il 50% del totale degli iscritti. È un provvedimento significativo che abbatte ancor di più le barriere economiche e sociali per chi sceglie di studiare all’Università di Catania: dal 1° luglio scorso abbiamo dato il via alle immatricolazioni e ci presentiamo ai giovani siciliani con un’offerta rinnovata, attraente, al passo con i tempi e anche conveniente”.


Pagheranno inoltre di meno, secondo un criterio graduale, anche gli studenti che appartengono a un nucleo familiare con Isee compreso tra i 20 e i 30mila euro. Il tetto massimo di contributi per le fasce di reddito più alte, infine, viene leggermente incrementato di 50 euro ma, osserva ancora il rettore, “rimane il più basso in Sicilia e tra i più bassi in Italia”. Una task force istituita dalla Direzione generale vigilerà in maniera rigorosa e sistematica sui dati che verranno inseriti nel sistema al momento dell’iscrizione, per contrastare i fenomeni di ingiustificata evasione.



Se da una parte si interviene per sopperire alle difficoltà economiche delle famiglie, dall’altra l’Università continua a promuovere le iniziative a favore della mobilità sostenibile nell’area etnea, a garantire il diritto allo studio e a premiare il merito.

L’Ateneo ha infatti approvato una nuova formula per gli abbonamenti Fce e Amt riservati agli studenti regolarmente iscritti per il nuovo anno accademico. Con soli 15 euro, ossia il costo di un abbonamento mensile, chi lo desidera potrà sottoscrivere un abbonamento annuale per i bus urbani o in alternativa per la metropolitana, oppure entrambi al prezzo di 30 euro: la differenza sarà infatti a carico dell’Università che quest’anno – in sinergia con la Consulta degli Studenti – metterà in campo anche 500mila euro per i premi di merito, da destinare ai migliori studenti di ciascun corso di studi, oltre 800mila euro per i buoni libro e quasi un milione di euro per le collaborazioni part-time degli studenti nelle strutture universitarie.