Un mese dall’inizio delle scuole e torna il caro libri: oltre 600 euro i costi per studente, un salasso per le famiglie

Un mese dall’inizio delle scuole e torna il caro libri: oltre 600 euro i costi per studente, un salasso per le famiglie

CATANIA – Manca un mese esatto dall’inizio del nuovo anno scolastico che, con non poche difficoltà e critiche, dovrebbe riprendere il 14 settembre prossimo. Come ogni anno le scuole hanno provveduto a pubblicare le liste libri e i genitori si staranno già barcamenando tra le varie spese da fare pre-scuola.


Per capire quanto per quest’anno scolastico, particolarmente arduo dal punto di vista sociale che economico, abbiamo chiesto a un campione di studenti e famiglie a quanto ammonti la spesa relativa l’acquisto di libri di testo e del materiale didattico.


Il rientro a scuola, in generale, costerà in media circa 450/500 euro, comprensivo di libri, quaderni, astucci, diari e cancelleria varia. La spesa preponderante rimane sempre quella relativa l’acquisto di libri di testo, tranne per le elementari dove, invece, la spesa riguarda il restante materiale didattico.



I costi, però, vanno ad incrementare vertiginosamente per gli alunni dei primi anni delle scuole superiori di primo e secondo grado. Per uno studente di prima media le famiglie pagheranno per i libri di testo e una media di 2 dizionari, un totale di circa 420 euro

Per gli studenti delle scuole superiori, invece, la spesa aumenta ancor di più, in quanto in media per i libri e per 3/4 dizionari i costi salgono a circa 680 euro, a questi, poi, si devono sommare 500 euro circa di ricambi di cancelleria durante l’intero anno, arrivando a una spesa media totale di circa 1.180 euro.
Tali costi, così, diventano proibitivi per le famiglie meno abbienti, rischiando di far diventare un lusso l’istruzione dei propri figli. Come ogni, anno, però è giusto ricordare che vi sono dei supporti da parte delle istituzioni ed enti locali per almeno l’acquisto dei libri di testo nelle scuole dell’obbligo.
Per gli studenti della scuola dell’obbligo e superiori il cui reddito netto del nucleo familiare non supera 10.632,94 euro vi è la possibilità di ricevere la fornitura gratuita o semigratuita dei libri. La domanda va presentata, tramite la scuola frequentata, alla Direzione Pubblica Istruzione. I buoni libro, finanziati dal Ministero dell’Interno e dell’Istruzione, vengono erogati tramite i Dirigenti Scolastici.
La domanda che adesso ci si sta ponendo è se le famiglie, soprattutto quelle con più figli frequentanti le scuole superiore, riusciranno a coprire tutti costi e se sarà un vero e proprio salasso.
Immagine di repertorio