Scuole riaperte a settembre nel Catanese, ipotesi tamponi per alunni e docenti. Intelisano: “Monitoraggio costante”

Scuole riaperte a settembre nel Catanese, ipotesi tamponi per alunni e docenti. Intelisano: “Monitoraggio costante”

CALATABIANO –Stiamo valutando l’ipotesi di effettuare ad alunni e personale scolastico tamponi, anziché sostenere costosi lavori negli edifici scolastici che servirebbero solo temporaneamente“. Così il sindaco di Calatabiano Giuseppe Intelisano, a margine dell’incontro per concertare interventi, in vista della riapertura delle scuole, volti a garantire misure di sicurezza sull’emergenza sanitaria, in osservanza dei provvedimenti nazionali e regionali.


Dopo una lunga e approfondita analisi dei costi/benefici circa gli interventi da realizzare per la composizione delle classi nel rispetto delle distanze previste, considerando l’insufficienza di spazi utili per creare il distanziamento sociale tra gli alunni, i partecipanti hanno prospettato come valida alternativa la possibilità di siglare un accordo, tramite avviso pubblico per la manifestazione di interesse, tra l’ente e laboratori di analisi convenzionati, al fine di effettuare tamponi agli alunni (genitori compresi), al personale docente e non.


Ho scritto agli assessori regionali all’Istruzione, Roberto Lagalla, e alla Salute, Ruggero Razza, per un parere – dichiara il sindaco Intelisano -. L’ipotesi dei tamponi non solo è la più sicura in termini di prevenzione del contagio e tutela della salute degli alunni, ma permetterebbe all’ente di creare un database, a disposizione degli organi competenti, per un monitoraggio costante dell’emergenza sanitaria sul nostro territorio. Inoltre – conclude il primo cittadino – l’ente non sarebbe costretto a sostenere la spesa (circa 70mila euro) per lavori che, finita l’emergenza, risulterebbero inutili; oltre che un’ulteriore spesa per i lavori di ripristino dello status quo ante“.