"Non è normale che sia normale", l'Istituto Carlo Gemmellaro di Catania contro la violenza sulle donne: "Educhiamo al rispetto" - Newsicilia

“Non è normale che sia normale”, l’Istituto Carlo Gemmellaro di Catania contro la violenza sulle donne: “Educhiamo al rispetto”

“Non è normale che sia normale”, l’Istituto Carlo Gemmellaro di Catania contro la violenza sulle donne: “Educhiamo al rispetto”

CATANIA – Anche quest’anno l’Istituto Carlo Gemmellaro di Catania ha partecipato il 25 novembre 2019 alla campagna contro la violenza sulle donne “Non è normale che sia normale”. La Giornata mondiale contro la violenza sulle donne istituita, per la prima volta, il 17 dicembre 1999 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, rappresenta un importante momento dell’anno per parlare, informare e sensibilizzare su questo grave problema che riguarda indistintamente tutti i Paesi del mondo.

Il 25 novembre non è una data scelta a caso: in questo stesso giorno del 1960, furono uccise le tre sorelle Mirabal, attiviste politiche della Repubblica Dominicana. È una data importante per ricordare a tutti che il rispetto è alla base di ogni rapporto e che non possiamo continuare a veder crescere il numero delle donne che subiscono violenze di ogni tipo da quella fisica a quella sessuale, lo stupro, senza dimenticare la violenza psicologica.



Un atto di violenza contro le donne può accadere ovunque: dentro le mura domestiche, sul posto di lavoro, per strada e, purtroppo, anche a scuola. Sono spesso i partner o gli ex partner a commettere gli atti più gravi e le cronache ci raccontano sempre più spesso una lunga scia di violenza che culmina spesso con l’estrema conseguenza: il femminicidio.

La giornata rappresenta il momento finale di un ben più ampio progetto all’educazione delle differenze e del rispetto di sé e dell’altro, voluto fortemente dal Dirigente scolastico prof.ssa Concetta Valeria Aranzulla, che nella mattinata del 25 novembre 2019 ha visto avvicendarsi varie attività laboratoriali (letture, elaborati multimediali, manifesti, ecc) dirette dai docenti dell’istituto e che hanno coinvolto diverse discipline.


Gli studenti hanno elaborato dei veri e propri compiti autentici e hanno, inoltre, dipinto di rosso due panchine dell’istituto, come simbolo contro la violenza delle donne. Chiaro ed emblematico è il messaggio che il Dirigente scolastico ha divulgato a tutta la comunità scolastica del Carlo Gemmellaro: “La nostra battaglia non si deve limitare a questa data. Ogni giorno dobbiamo lavorare insieme per educare al rispetto della persona e dei diritti delle donne, contrastare gli stereotipi di genere che sono alla base di una visione errata di donne e uomini nella società”.