IPSSEOA “Karol Wojtyla” di Catania, avvio anno scolastico in sicurezza – VIDEO

IPSSEOA “Karol Wojtyla” di Catania, avvio anno scolastico in sicurezza – VIDEO

CATANIA – L’IPSSEOA “Karol Wojtyla” di Catania, diretto dal Dirigente Scolastico dott.ssa Daniela Di Piazza, Istituto di punta dell’area metropolitana di Catania, attento sempre all’innovazione didattica e all’avanguardia sul versante organizzativo-gestionale, si è trovato ad affrontare una potente sfida determinata dalla emergenza epidemiologica da Covid-19.


Il Wojtyla ha messo in campo per tempo, già dallo scorso anno scolastico, tutta una serie di iniziative concrete finalizzate a fronteggiare l’emergenza sanitaria. Il Dirigente Scolastico e tutto lo staff di supporto hanno lavorato strenuamente per definire nel dettaglio un protocollo di sicurezza rispettoso della normativa vigente.


La scuola insiste a largo raggio sul territorio della città di Catania (cinque plessi di cui due a Monte Pò, uno al viale Tirreno, uno in via Anfuso e uno, di recente acquisizione, il “Leonardo da Vinci”, sede anche degli uffici amministrativi), accoglie quasi duemila studenti e, considerati i vari indirizzi professionali, rappresenta un volano per l’integrazione culturale e professionale degli studenti nel contesto cittadino, nel territorio regionale, ma anche nazionale ed internazionale.


Per gli esami di Stato 2019/2020 è stato approntato un dispositivo contenente le seguenti misure di prevenzione e protezione: misure di pulizia e di igienizzazione, sistema di raccolta dei rifiuti prodotti dall’attività di pulizia, autocertificazione, convocazione scaglionata dei candidati, organizzazione dei locali scolastici e relative misure di prevenzione, particolare attenzione ai candidati con disabilità, tutela dei lavoratori fragili, cartellonistica.

Le suddette misure di prevenzione e protezione sono state ampiamente diffuse mediante una comunicazione efficace alle famiglie, agli studenti, ai componenti delle commissioni e al personale in servizio nella scuola, tramite il sito web dell’istituto. Il richiamo all’attenzione e alla collaborazione degli studenti, delle famiglie e del personale tutto della scuola ha garantito l’assunzione di responsabilità di tutta la comunità educante chiamata al rispetto delle misure di prevenzione e protezione finalizzate al contrasto della diffusione dell’epidemia Covid-19, quale misura irrinunciabile per la tutela della salute della comunità scolastica.


A garanzia di ogni azione consapevole degli operatori scolastici, è stata offerta a tutto il personale docente e ATA dell’istituzione scolastica un’informazione/formazione circa le misure preventive e protettive per il contrasto alla diffusione dell’epidemia, mediante un corso Webinar dedicato a cura di un docente universitario, nonché medico competente, fermo restando che i referenti Covid per ogni plesso sono in via di formazione mediante piattaforma ministeriale, nonché è in pubblicazione un dispositivo dirigenziale denominato “protocollo di sicurezza” rivolto a ciascun comparto: docenti, ATA, studenti ed ai genitori.

Altra formazione in itinere è già in pianificazione per rendere consapevoli gli attori del processo per meglio affrontare ogni situazione e adottare idonei comportamenti a tutela della salute collettiva. È superfluo sottolineare la formazione accreditata già somministrata e che sarà ulteriormente potenziata per quel che concerne la didattica integrata a distanza.

E adesso, a pochi giorni dalla riapertura dell’avvio del nuovo anno scolastico, possono dirsi pronti ad affrontarlo: ingressi scaglionati, percorsi ben evidenziati, mascherine e dispositivi di protezione individuale pronti alla distribuzione, in special modo ai docenti di sostegno, distanziamento assicurato nelle classi, rilevazione in ingresso della temperatura con i termoscanner, designazione dei referenti Covid (due per ogni plesso) e per quanto attiene alla didattica, piano per la didattica digitale integrata, progettazione dell’Ed. Civ. declinata alla condivisione di habitus mentali e comportamentali volti al rispetto delle norme del vivere civile, della sicurezza e della prevenzione.

I documenti fondamentali della scuola come il Regolamento di Istituto e il Patto di corresponsabilità approntati e diffusi nelle sedi opportune. E, per finire, attivazione di uno sportello d’ascolto per curare le situazioni di disagio di studenti, famiglie e personale della scuola.

Certo non sarà facile, ma con l’aiuto prezioso di tutta la comunità educante, già sperimentato in lockdown, si auspica un anno scolastico all’insegna della partecipazione, della consapevolezza, della fiducia e del coraggio necessari alla buona riuscita di qualunque percorso umano e professionale. In prima linea si confida nel supporto dei genitori, cui si chiede massima collaborazione per il benessere di tutti gli studenti.