Il “Mario Rapisardi” di Paternò apre l’anno scolastico riportando in vita con i colori un albero storico

Il “Mario Rapisardi” di Paternò apre l’anno scolastico riportando in vita con i colori un albero storico

PATERNÒ – Le associazioni cittadine e le scuole paternesi, tra i quali il “Mario Rapisardi”, indirizzo artistico, hanno dato i “colori” al tronco ucciso fra via Bellia e via degli Studi.

Accendere a nuova vita un tronco d’albero che la meschinità umana ha ucciso, è stato l’obiettivo dell’iniziativa svoltasi il 19 e 21 settembre a Paternò (CT), allestita in occasione della “Giornata Mondiale Alzheimer 2019”, dal Comune di Paternò, dall’associazione “Malati di Alzheimer”, dal Centro servizi volontariato etneo, da diverse associazioni non profit.



Grazie al contributo di tutti i soggetti coinvolti, si è trasformato il tronco di ficus avvelenato, per mano di una persona rimasta ancora sconosciuta, in via Emanuele Bellia angolo via degli Studi, in una vera e propria “Opera d’Arte” da collocare nell’atrio dell’Istituto “Mario Rapisardi” di Paternò, e ripiantare in seguito un nuovo ficus.

Dopo l’avvenuta decorticazione e imprimitura con calce viva del tronco, il programma ha previsto la colorazione del legno accompagnata da simboli con indicatori culturali.