Ricoveri in RSA e nuove norme sulla prescrizione dei farmaci

Ricoveri in RSA e nuove norme sulla prescrizione dei farmaci

Se hai un quesito medico, invia la tua domanda a ilmedicorisponde@newsicilia.it e torna a visitare il nostro giornale Domenica mattina!

Nino Rizzo

Ho letto che dal 2016 entreranno in vigore delle nuove norme riguardo alla dispensazione dei farmaci dopo ricovero ospedaliero e dopo visite specialistiche effettuate nel comparto pubblico. Di cosa si tratta? (R.A.)

È vero quanto lei dice. Dal 2016 entrano in vigore delle nuove disposizioni che impongono che dopo dimissione di ricovero ospedaliero e dopo visite specialistiche effettuate nel settore pubblico (ASP o ospedali) vada consegnato al paziente il primo ciclo terapeutico di farmaci. In pratica il paziente sarà fornito di tutti i farmaci necessari che gli saranno prescritti, gratuitamente dalle strutture pubbliche, a seguito appunto di dimissione ospedaliera o di visita specialistica. Se per vari motivi ciò non fosse possibile, gli stessi specialisti dovranno effettuare la prescrizione su ricettario del SSR o in modalità dematerializzata, senza quindi dover passare obbligatoriamente dai propri medici di famiglia.

Mia madre è ricoverata per una frattura di femore ed i medici di reparto ci hanno consigliato alla dimissione un ricovero in RSA. Di cosa si tratta esattamente? (g.m.)

Il ricovero in RSA, cioè in residenza sanitaria assistenziale, è un ricovero in una struttura non ospedaliera ma comunque ad impronta sanitaria che ospita, per un periodo variabile da poche settimane a qualche mese, persone non autosufficienti che non possono essere assistite a casa e che necessitano di specifiche cure mediche specialistiche e di una articolata assistenza sanitaria e riabilitativa. Sono strutture che offrono insomma prestazioni sanitarie ed assistenziali atte al recupero funzionale e al reinserimento sociale. Per richiederne l’accesso è necessario rivolgersi alle ASP territorialmente competenti a seguito di richiesta formulata dalle strutture ospedaliere o dai propri medici di famiglia.

Se hai un quesito medico, invia la tua domanda a ilmedicorisponde@newsicilia.it e torna a visitare il nostro giornale Domenica mattina!

Commenti