Pinguini costretti a camminare sul fango, polo sud “in ginocchio” per le alte temperature

Pinguini costretti a camminare sul fango, polo sud “in ginocchio” per le alte temperature

Nei giorni in cui si sente parlare solo e quasi esclusivamente di Coronavirus, c’è un altro problema che viene trascurato e sotterrato nel cestino dei pensieri, quello relativo al riscaldamento del pianeta Terra.


Questo inverno è stato davvero atipico a causa della pochissima presenza di neve e della rarità delle piogge. A subire le più gravi conseguenze di ciò e a viverle in prima persona sono i pinguini dell’Antartide continentale, che, come si può vedere nella foto, sono costretti a camminare sul fango.


Motivo di ciò sarebbe stato il raggiungimento nei giorni scorsi della temperatura di 18,3 gradi nella Base Esperanza. Ma non finisce qui perché in una delle isole minori dell’Antartide, Seymour Island, sarebbero state toccate anche punte di 20,7 gradi.



Dati davvero sconfortanti, che se venissero confermati farebbero capire quanto l’allarme siccità in tutto il pianeta stia per diventare una cosa seria.

Fonte immagine: NOAA – National Oceanic and Atmospheric Administration