Morto il bimbo di 6 anni picchiato dal padre con il tubo dell'aspirapolvere per non aver fatto i compiti - Newsicilia

Morto il bimbo di 6 anni picchiato dal padre con il tubo dell’aspirapolvere per non aver fatto i compiti

Morto il bimbo di 6 anni picchiato dal padre con il tubo dell’aspirapolvere per non aver fatto i compiti

È morto il piccolo Mertcan, il bambino di 6 anni picchiato selvaggiamente dal padre con il tubo dell’aspirapolvere a Hatay, in Turchia, lo scorso 2 gennaio.

Unica “colpa” del piccolo quella di non aver fatto i compiti.




Dopo la brutale aggressione del genitore, il giovanissimo studente di scuola elementare era stato ricoverato nel reparto di Terapia Intensiva di un ospedale locale.

La speranza di rivedere il piccolo sorridere, però, si è spenta subito: il 7 gennaio, infatti, è stata pubblicata la notizia della decisione dei medici di staccare la spina della macchina che teneva Mertcan, ormai cerebralmente morto, in vita.

La madre del bambino, separata da anni dal presunto assassino del figlio, ha dichiarato ai media locali di essere sconvolta per l’accaduto ma che non era all’oscuro della violenza dell’ex: tempo fa, infatti, aveva presentato denuncia contro di lui ma le continue minacce di morte l’avrebbero poi convinta a ritirarla.

L’intera comunità e il mondo intero piange la scomparsa di Mertcan anche con messaggi di cordoglio sui social e si chiede come un padre abbia potuto compiere un gesto talmente atroce per motivi futili.

Fonte immagine Sabah.com.tr