Agcom condanna R.T.I per le parole di Feltri che offesero i meridionali

Agcom condanna R.T.I per le parole di Feltri che offesero i meridionali

L’Agcom – Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni – si schiera contro R.T.I in relazione a quanto successo nella puntata del 21 aprile 2020 della trasmissione “Fuori dal Coro”.


Durante la trasmissione in onda su Rete 4 e condotta da Mario Giordano, Vittorio Feltri, immerso in un’accesa polemica con il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, si lasciò andare ad alcune affermazioni offensive nei confronti dei meridionali: “I meridionali sono inferiori“.


A essere stato preso di mira dall’Autorità, però, non ci sarebbe solo l’emittente, ma anche il conduttore che non si è adeguatamente dissociato dalle dichiarazioni di Feltri


Pertanto l’Agcom, così come riportato sul sito ufficiale dell’ente, ha riscontrato una nuova contestazione per violazione del Regolamento di contrasto all’hatespeech. La trasmissione infatti non sarebbe nuova a violazioni di questo genero, tanto da spingere l’autorità competente a effettuare un’analisi complessiva sull’intera trasmissioni, con l’intento di individuare l’eventuale natura sistematica di violazione dei principi di cui agli art. 3, 4 e 32 del Tusmar (Testo Unico Radiotelevisione)



Immagine di repertorio