Vittoria, l'assistenza diventa "pane" quotidiano: l'iniziativa di Donne a Sud

Vittoria, l’assistenza diventa “pane” quotidiano: l’iniziativa di Donne a Sud

Vittoria, l’assistenza diventa “pane” quotidiano: l’iniziativa di Donne a Sud

VITTORIA – Nuova iniziativa presentata questa mattina a Vittoria dall’associazione Donne a Sud. Da sempre attiva in difesa delle donne, l’associazione ha avviato una campagna di sensibilizzazione contro la violenza di genere in maniera molto originale: attraverso il pane!


pane


“Per alcune donne, purtroppo, la violenza è pane quotidiano – ha spiegato la rappresentante legale, l’avvocato Rossana Caudullo – e proprio partendo da una simile e gravissima constatazione intendiamo arrivare sulle tavole dei vittoriesi in modo capillare e silenzioso, ma efficiente. Alcune donne, sembra incredibile ma è così, paradossalmente escono solo per andare a sbrigare le faccende indispensabili, tra cui l’acquisto del pane, e grazie alla collaborazione del panificio Donna Vittoria di via Iacono avranno modo di scoprire la nostra realtà e, se vorranno e troveranno il coraggio, avranno in mano uno strumento in più per chiederci aiuto”.

donne a sud 2

“Per noi è stato un onore, oltre che un piacere, aderire all’iniziativa – ha spiegato Gianfranco Ragusa, responsabile del panificio Donna Vittoria – perché io e mia moglie siamo veramente stanchi di leggere ogni giorno i giornali o accendere la tv e venire a conoscenza di femminicidi ad opera di mariti, fratelli, figli, fidanzati e spasimanti. Nonostante le difficoltà economiche, quindi, abbiamo abbracciato col cuore questa causa, senza pensarci due volte”.

Da domani, pertanto, e per una settimana circa, ai clienti del panificio sarà distribuito questo sacchetto speciale con il logo di Donne a Sud e i relativi contatti.

Inoltre innumerevoli sono le altre iniziative, illustrate dalla presidente Sabrina Mercante, che si terranno domani: “Anche quest’anno – ha detto – forti di un anno pieno di esperienze, impegno e importanti riscontri, siamo pronte a celebrare degnamente il 25 novembre, Giornata Internazionale contro la violenza di genere, e a ricordare ancora una volta alle donne che vivono condizioni problematiche in casa o con un uomo che noi ci siamo, siamo qui e non chiediamo un centesimo per aiutarle. Devono solo trovare il coraggio di contattarci e di andare avanti”.

Domani mattina vi sarà un incontro con gli studenti dell’istituto “Fabio Besta” di Ragusa dalle 11 alle 13. Nel pomeriggio, alle 14,30, proiezione di un video e incontro con i detenuti della Sezione Sex Offender del carcere di c.da Pendente.

“Si tratta di una sezione speciale che ospita uomini condannati in via definitiva per aver commesso reati contro le donne – ha spiegato l’avvocato Caudullo – e che, paradossalmente, spesso non capiscono il motivo della loro condanna perché non si rendono conto della gravità della loro condotta. Questo è dovuto al fatto che hanno un concetto del ruolo della donna che non collima con la realtà di lei e che, nella maggior parte dei casi, è frutto di un substrato culturale consolidatosi negli anni e duro a morire o di messaggi non corretti da parte dei media”.

Domani pomeriggio, nel foyer del teatro Naselli di Comiso con l’evento “Voci dal silenzio”, saranno letti brani tematici ad opera dell’ACSD “Dietro le quinte”, diretta da Vanessa Battaglia. In programma anche una performance della pianista di fama internazionale Giuseppina Torre. Interverranno la dottoressa Maria Antonietta Malandrino, vice questore aggiunto, la dottoressa Rosetta Noto, funzionaria dell’area pedagogico – giuridica della casa circondariale di Ragusa, e la dottoressa Sonia Di Caro, psicoterapeuta.