Sgominata banda dedita ai furti agricoli nel Ragusano e nel Catanese, tra loro anche un minorenne – VIDEO

Sgominata banda dedita ai furti agricoli nel Ragusano e nel Catanese, tra loro anche un minorenne – VIDEO

VITTORIA – Alle prime luci dell’alba di martedì 19 aprile scorso, a conclusione di una mirata attività d’indagine, gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Ragusa e del Commissariato di Vittoria e i carabinieri della Compagnia di Vittoria hanno arrestato 5 persone di origine straniera, di età compresa tra 16 e 44 anni, tutti domiciliati nel comune di Vittoria, responsabili a vario titolo di furto aggravato, ricettazione e detenzione illegale di armi comuni da sparo.

In particolare, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Vittoria e gli agenti della Squadra Mobile di Ragusa, con il supporto dello Squadrone Eliportato Cacciatori carabinieri “Sicilia” – Falco 11, hanno eseguito una serie di perquisizioni a tappeto nelle abitazioni e i terreni in uso agli arrestati, rinvenendo oltre 200 bidoni di fitofarmaci e vari attrezzi utili per la coltivazione, frutto di ben otto furti commessi nel periodo compreso tra novembre 2021 e aprile 2022, nei territori di Vittoria, Acate (RG) e Granieri (CT), in danno di aziende agricole locali.


Inoltre, gli agenti della Polizia di Stato e i carabinieri hanno trovato in possesso di uno degli indagati un fucile marca browning cal. 12 – unitamente a 47 cartucce cal. 12 – oggetto di furto denunciato in data 2017 nel Commissariato di Pubblica Sicurezza di Vittoria, e utilizzato dalla “banda” per compiere le azioni delittuose.

Grazie ad un’approfondita attività investigativa svolta dagli inquirenti, anche attraverso la visione di diversi sistemi di videosorveglianza installati nelle aziende agricole colpite, è stato possibile recuperare parte degli indumenti indossati dai ladri in alcuni dei colpi messi a segno.

Alla luce degli elementi raccolti e del grave quadro indiziario, i carabinieri ed i poliziotti hanno eseguito un fermo d’indiziato di delitto nei confronti dei 5 malviventi. Quattro di loro sono stati tradotti nel carcere di Ragusa, mentre il minorenne è stato tradotto nel Centro di Prima Accoglienza di Catania, a disposizione delle autorità giudiziarie competenti.

Le immagini video