Era il terrore di agricoltori e residenti, sgominata la banda delle razzie notturne nel Ragusano

Era il terrore di agricoltori e residenti, sgominata la banda delle razzie notturne nel Ragusano

RAGUSA – Dalla metà di febbraio terrorizzava gli abitanti delle campagne tra San Giacomo e Frigintini con furti nelle aziende agricole e nelle abitazioni più isolate ma nella notte tra sabato e domenica scorsi, in un’operazione congiunta di polizia e carabinieri, è stata sgominata la banda responsabile delle ruberie notturne nelle campagne iblee.

Da più di un mese si registravano infatti numerosi furti, alcuni tentati, altri portati a segno, nella zona di campagna insistente tra le frazioni di San Giacomo, Frigintini e contrada Mauto dalle cui abitazioni e aziende agricole venivano sistematicamente sottratti animali, attrezzi da lavoro e ogni cosa che fosse prontamente occultabile in auto e trasportabile.


Dato il vasto raggio d’azione della banda, sono subito partite le indagini congiunte di carabinieri e Polizia di Stato coordinate dalla Procura della Repubblica di Ragusa.

Dalle primissime evidenze investigative si era capito come ad agire fosse non un singolo o degli improvvisati banditi ma una vera e propria banda originaria del vittoriese che, prima di tentare i colpi, agiva con accurati sopralluoghi per individuare con metodo gli obiettivi più redditizi.

Con il favore delle tenebre poi si portavano sul posto e colpivano. Un mese di serrate indagini e appostamenti ha consentito agli inquirenti di ricostruire accuratamente il modus operandi dei ladri potendo infine organizzare il dispositivo che nel cuore della notte tra sabato e domenica scorsi ha permesso di fermare la banda.

Già nel tardo pomeriggio di sabato l’auto, precedentemente individuata e monitorata dagli investigatori, si era portata in contrada Mauto per il consueto sopralluogo allertando in tal modo le Forze dell’Ordine che, con una precisa opera di coordinamento, hanno iniziato a tessere la tela.

Nel cuore della notte, quando orami ne v’era più alcun dubbio che si stesse per consumare l’ennesimo raid, è scattata la trappola: 5 auto tra Squadra Mobile, carabinieri di Ragusa Ibla, Commissariato di Modica e Radiomobile di Modica hanno bloccato la strada e fermato la vettura bersaglio, a bordo della quale vi erano 5 soggetti, due italiani e tre albanesi (di cui uno irregolare sul territorio dello Stato).

I malviventi, tutti con specifici precedenti per furto, rapina e possesso ingiustificato di grimaldelli, occultavano a bordo del mezzo arnesi per lo scasso e due radioline che utilizzavano, secondo la ricostruzione degli investigatori, per i collegamenti tra chi restava in auto e chi invece veniva dislocato sul territorio per compiere materialmente i furti.

I 5 soggetti non hanno opposto resistenza e sono stati condotti presso il Commissariato di Polizia di Modica che gli accertamenti e le pratiche di rito conseguenti all’arresto.

Su disposizione dell’autorità giudiziaria di Ragusa i banditi sono stati poi portati nel carcere di via G. Di Vittorio alle prime luci della domenica.