Controlli serrati in Sicilia per violenza e illegalità diffusa: 3 soggetti sotto esame

Controlli serrati in Sicilia per violenza e illegalità diffusa: 3 soggetti sotto esame

RAGUSA – Nell’ambito del rafforzamento dei servizi di prevenzione e repressione dei reati disposti dal Questore di Ragusa, nelle ultime settimane diverse pattuglie dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura e dei Commissariati di Pubblica Sicurezza di Vittoria, Modica e Comiso, hanno svolto una capillare attività di controllo del territorio nei comuni di Ragusa, Comiso, Vittoria, Chiaramonte Gulfi e Modica, per contrastare fenomeni di illegalità diffusa e garantire la sicurezza dei cittadini.

Nell’ambito dei predetti servizi, sono state identificate numerose persone e controllati numerosi veicoli, ponendo attenzione alle zone periferiche di ogni comune, ove sono stati segnalati furti in abitazione o la presenza di persone ed auto sospette.


Non sono mancati anche i controlli nei centri storici dei comuni interessati al fine di prevenire e reprimere azioni di illegalità da parte di giovani che, soprattutto nei fine settimana, sotto l’effetto dell’alcool o di stupefacenti, danno luogo a risse o danneggiamenti in pubblici esercizi, rappresentando una minaccia per la sicurezza pubblica.

A Modica, l’attenta analisi di tali eventi ha permesso agli agenti di individuare due giovani, di 21 e di 23 anni, che di recente si sono resi protagonisti di alcuni episodi violenti registrati nei confronti di un gestore di un esercizio commerciale, per i quali erano stati deferiti alla competente autorità giudiziaria.

A Comiso, il provvedimento del Questore è stato notificato a un soggetto di 22 anni, deferito all’Autorità giudiziaria per aver preso parte a una rissa avvenuta qualche mese addietro.

Foto di repertorio