Il gusto francese entra a scuola: cucina, arte e cultura nella competizione all’Ipsseoa “K. Wojtyla” di Catania

Il gusto francese entra a scuola: cucina, arte e cultura nella competizione all’Ipsseoa “K. Wojtyla” di Catania

CATANIA – Si è svolta con successo, nei locali dell’IPSSEOA Karol Wojtyla, scuola capofila Rete, la prima edizione del concorso internazionale Goût de France, che ha coinvolto gli studenti di sei scuole appartenenti alla Rete Regionale Istituti Alberghieri Siciliani, per guardare lontano e creare i grandi chef di domani.

Iniziativa in collaborazione con l’Institut Français di Palermo – Ambassade de France in Italia, alla quale hanno partecipato diversi istituti alberghieri siciliani.



Goût de France, lanciato nel 2015 dal Ministero francese degli Affari Esteri, in collaborazione con lo chef Alain Ducasse, che ha ripreso una storica idea di Jean Anthelme Brillat-Savarin, per celebrare il “pasto gastronomico alla francese” patrimonio immateriale Unesco. Collaborazione proficua tra il dirigente scolastico Daniela Di Piazza e l’addetta per la cooperazione francese chic et habillé Valérie Le Galcher-Baron; trait d’union a curare i proficui rapporti, la prof.ssa Alfina Arezzi. Ha partecipato il plesso di via Raccuglia con un pranzo eccellente organizzato dai prof. A. Papotto, S. Catalano e S. Perricelli con gli studenti.

Dieci alunni, in tre articolazioni, accoglienza turistica –enogastronomia – sala e vendita per ogni istituto partecipante, si sono sfidati in una gara di alta cucina e in lingua rigorosamente francesi: dal gratin al soufflé, dalla mousse all’estetica e hanno dato vita a un menù in stile francese, con abbinamenti di vini.


Il concorso ha previsto una doppia premiazione: “la migliore squadra” composta da 10 alunni e “i migliori 10 alunni”, che si recheranno a Nizza e sono stati scelti fra tutte le scuole partecipanti all’evento, secondo la categoria di appartenenza.

Un’esperta giuria, ha valutato le prelibatezze preparate nei laboratori della cucina del plesso di via Anfuso, coordinati dall’organizzatore dell’evento, referente gare e concorsi, prof. Danilo De Feo; dalla “Bourride de crustacés” al “Raviolo farci à l’aubergine” e “Crumble à la cannelle”.

È stato consegnato, da parte dell’Institut Français di Palermo, un libro. Un premio, consistente in uno stage di formazione di due settimane a Nizza ai migliori 10 alunni che si sono distinti nelle tre articolazioni è andato a: Chiara Cannone, Giulia Foderà, Venera Ferrara, Giorgia Chillemi, Alberto Calderone, Mariachiara Ranno, Gaia Di Blanca, Norvena Turiaco, Marco Cerruto e Andrea Palla.

La giornata si è infine conclusa con una prestigiosa cena di gala, preparata dall’equipe dei docenti ITP: A. Galati, M. Craparo, O. Torrisi, F. Leonardi, G. Sapienza, G. Zani e dalle brigate di alunni; servizio accoglienza curato dai prof. M. Fiamingo e S. Anello, con il contributo dei prof. D. Cucinotta, M. Di Bella, V. Mannino, C. Ciadamidaro e l’assistente tecnico G. Mascali.

 

 

Lella Battiato