I diritti raccontati attraverso musica e spettacolo, al "Fontanarossa" di Catania i più piccoli incontrano la Costituzione - Newsicilia

I diritti raccontati attraverso musica e spettacolo, al “Fontanarossa” di Catania i più piccoli incontrano la Costituzione

I diritti raccontati attraverso musica e spettacolo, al “Fontanarossa” di Catania i più piccoli incontrano la Costituzione

CATANIA – Ricordare i diritti di uguaglianza, fratellanza e rispetto sanciti dalla Costituzione Italiana attraverso la musica e lo spettacolo. È stato questo il tema dell’incontro che si è tenuto nel pomeriggio di giovedì 28 febbraio nel plesso Nuova Masseria Moncada dell’istituto scolastico comprensivo “Fontanarossa” di Catania.

Un appuntamento che ha visto la partecipazione degli studenti della scuola catanese in sintonia con gli scolari di un altro noto istituto etneo che hanno dato vita al concerto “Le Mille Note della Costituzione“, progetto ideato dalla fondazione “La Città Invisibile“.



La serata, condotta da Alfia Milazzo, presidente de “La Città Invisibile”, e coordinata dalla regia di Domenico Leonardi, ha dato la possibilità ai ragazzi di età diverse, ma con sentimenti comuni, di presentare il risultato finale delle attività culturali che si sono svolte nell’arco di diversi mesi, esibendosi davanti a una folta platea composta da genitori e familiari. A inaugurare lo spettacolo è stata l’esibizione dei percussionisti, accolta con calore dai presenti.

Non sono mancati momenti di riflessione, come il ricordo per Augustina Schiera, madre dell’agente Nino D’Agostino scomparsa all’età di 80 anni, e una rappresentazione teatrale che ha sottolineato l’importanza dell’inclusione in un’epoca dove non tutti gli esseri umani riescono a godere degli stessi diritti. La performance ha visto la lettura di alcuni passi dei principi fondamentali contenuti nel testo della Costituzione Italiana.


Spazio, poi, all’esecuzione dei flauti seguita dalla magistrale esibizione dell’orchestra di archi e percussioni composta da ben 60 elementi dell’istituto Fontanarossa. Lo spettacolo conclusivo ha coinvolto tutti gli spettatori, che hanno accompagnato con battimano e applausi le note festose di “Merengue del Primero” di Carlos Medrano.

Siamo riusciti ad avvicinare i ragazzi ancor più al mondo della scuola“, commenta il dirigente scolastico dell’istituto comprensivo “Fontanarossa”, dott.ssa Concetta Tumminia. Proprio grazie alla collaborazione con La Città Invisibile il plesso scolastico di Nuova Masseria Moncada è stato in grado di dotarsi di spazi destinati all’apertura al territorio e, soprattutto, agli stessi studenti. L’attuazione di progetti culturali e sportivi può essere l’occasione giusta per indirizzare i più giovani alla legalità e alla condivisione di valori comuni.

 

Anche la presidente Alfia Milazzo ha voluto ribadire l’importanza di attività come quelle portate avanti dai ragazzi dell’istituto con l’obiettivo di “creare maggiore coesione” tra i giovani e “valorizzare il loro rapporto nei confronti dei loro diritti“. “Attraverso la musica si possono fare grandissime cose“, come creare occasioni di riscatto sociale in aree particolarmente difficili come quelle in cui opera l’istituto Fontanarossa.

Ecco Alcuni scatti della manifestazione.