Gli studenti dell’I.C. “G. Marconi” alla scoperta della Sicilia: un viaggio in comune tra storia, cultura, folklore e tradizioni

Gli studenti dell’I.C. “G. Marconi” alla scoperta della Sicilia: un viaggio in comune tra storia, cultura, folklore e tradizioni

PATERNÒ – Un vero e proprio viaggio alla scoperta delle bellezze e delle eccellenze siciliane, con l’obiettivo di stimolare la curiosità e il desiderio di conoscenza dei bambini, in relazione alla propria Terra e alle proprie origini. Conoscere e amare la Sicilia, con la sua storia, le sue tradizioni, le sue peculiarità, si rivela il primo fondamentale passo per poter appressarsi a nuove realtà, a nuovi luoghi, a nuove culture.


Tutti i moduli del progetto P.O.N. Potenziamento dell’educazione al patrimonio culturale, artistico, paesaggistico – Asse I – Istruzione – Fondo Sociale Europeo (FSE) – Obiettivo Specifico 10.2. – Azione 10.2.5 dal titolo “Cultura-Arte-Paesaggio 2.0”, organizzati dall’I.C. “G. Marconi” Paternò – Ragalna, Dirigente la Prof.ssa Maria Santa Russo, in rete con l’IPSAAT “Rocco Chinnici” e con l’I.I.S. “Francesco Redi” hanno portato avanti gli stessi, importanti obiettivi.


In particolare, nei moduli “Amo il mio paese 2” e “Made in Sicily 2”, tenutisi entrambi nel plesso “Madonna del Carmelo” di Ragalna, le insegnanti-tutor Antonella Ragonese e Cettina Peci e gli esperti esterni Sara Cavallaro e Giuseppe Leonardi, oltre agli incontri di formazione, hanno deciso di organizzare due visite didattiche per tutti gli alunni frequentanti i due moduli, per sottolineare l’importanza della condivisione.


Mete scelte per la prima uscita sul territorio sono state l’Etna e Zafferana Etnea. Dalla degustazione dei biscotti tipici di Zafferana, alla visita del Museo del Miele, che ha tanto affascinato e incuriosito non solo i bambini ma anche i grandi; dalla camminata sui Crateri Silvestri, al momento del pranzo, tutti insieme. Conoscere ed imparare, divertendosi, queste le caratteristiche di questa prima uscita, la cui conclusione, inoltre, è stata caratterizzata da una sosta al Santuario della Madonna della Roccia in territorio di Belpasso per un momento di preghiera comunitaria e un atto di affidamento alla Vergine Maria.



La seconda ed ultima uscita su territorio si è incentrata su Catania, Aci Castello e Aci Trezza, in un percorso ricco di storia, cultura e tradizioni. Ad affascinare i bambini, in modo particolare, la visita al bellissimo castello di Aci Castello, ricco di storia e avvolto da miti e leggende; la stupenda vista dei faraglioni di Aci Trezza e il centro storico di Catania, quest’ultimo ammirato, in tutto il suo splendore, a bordo del trenino turistico.

Tutto il percorso dei due moduli P.O.N. si è rivelato come un vero e proprio viaggio che ha permesso a tutti, piccoli e grandi, di conoscere e imparare, confrontandosi a vicenda. La docente tutor Cettina Peci sostiene: “Un’esperienza formativa e personale meravigliosa, durante la quale ognuno ha attinto dagli altri, lasciando loro un po’ di sé. La Sicilia, vista con gli occhi dei bambini, ha assunto una connotazione ancora più unica e speciale. Solo imparando ad amare il nostro territorio, andando fieri delle nostre origini, potremo contribuire a rendere migliore il nostro futuro e quello delle generazioni che verranno. Tutto questo lo fa la nostra Scuola, aperta al territorio”.