Da Catania a Stoccolma per rappresentare l’Italia e la Sicilia: Spedalieri ad alto livello

Da Catania a Stoccolma per rappresentare l’Italia e la Sicilia: Spedalieri ad alto livello

CATANIA – Da Catania sette ragazzi della classe VB del Liceo Classico “N. Spedalieri” volano a Stoccolma per un’esperienza unica e irripetibile che ricorderanno per sempre.

Agata, Alessia, Elena, Emanuela, Gabriele, Giulia e Matilde, accompagnati dalla docente Agata Santangelo, vedranno la splendida conclusione del Concorso MIUR “Dalle scuole per le scuole”, percorsi culturali nell’ambito di Matera capitale europea della cultura 2019. Sono già stati, tutta la classe, a Matera a presentare il loro Progetto di valorizzazione del territorio dal titolo “La piana in festa”, che ha vinto a livello nazionale il detto Concorso, gemellati con il Liceo Scientifico “Galileo Galilei” di Potenza; ma adesso una delegazione di entrambe le scuole lo presenterà agli alunni dell’Ostra Reals Gymnasium di Stoccolma.



L’eccitazione è tanta, loro sono i fortunati, scelti a sorteggio in una classe di ventotto. Non potevano partire tutti.

I giorni precedenti sono stati un frenetico lavoro di rimontaggio del video, adesso con sottotitoli in inglese, di traduzione e stampa della brochure dell’itinerario, di preparazione di un PowerPoint che poi alcuni di loro avrebbero illustrato.


Ma i rappresentanti del Miur, la dott.ssa Lo Fiego, il dott. Nando Minnella, la dott.ssa Maria Assunta Palermo, la DS prof.ssa Patrizia Marini, organizzatori di tutto, volevano stupirli; avevano previsto dei gadget per loro, una felpa e uno zainetto, e soprattutto avevano organizzato di accoglierli al loro arrivo a sera con una cena a base di prodotti della Basilicata, preparati dall’Istituto Alberghiero “Turi” di Matera, in una location d’eccezione: l’Ambasciata italiana a Stoccolma.

Siamo così entrati in Ambasciata! Accolti con le belle parole e il sorriso dell’Ambasciatore Mario Cospito e della moglie, dai membri del Miur, dal sindaco di Policoro e dai colleghi del Gymnasium svedese e da alcuni loro alunni. Le sale erano splendide come gli invitati, cittadini italiani e svedesi invitati per l’occasione, eleganti e lieti di assaggiare delle eccellenze lucane. Ci siamo uniti a loro, mangiando e chiacchierando, soprattutto i ragazzi che parlavano, da subito, fitto fitto con i coetanei svedesi.

La serata è parsa brevissima.

L’indomani i compiti erano già stabiliti: Giulia Di Benedetto avrebbe presentato la Sicilia, Catania e la nostra scuola; Emanuela Pandolfo i castelli Ursino, di Paternò, di Adrano, di Motta Sant’Anastasia; Matilde Coco le finalità del Progetto, le modalità di lavoro, le fasi della realizzazione; Alessia Belluso, autrice del montaggio, avrebbe fatto scorrere il PowerPoint; Gabriele Spagnuolo risposto, dopo la proiezione del video, a eventuali domande; Agata Falcone ed Elena Toscano avrebbero con i loro contagiosi sorrisi incoraggiato le compagne e fotografato e ripreso la loro presentazione.

Che dire, hanno veramente stupito con la fluidità e la pronunzia del loro inglese ma soprattutto con l’evidente e sentita profondità della loro cultura.

A seguire, gli interventi delle altre due scuole, poi il pranzo nella mensa scolastica, un breve giro del centro storico e la visita del Municipio di Stoccolma, guidati da Marta Gallicchio, docente di italiano della scuola, e poi ancora l’onore di cenare in hotel, avendo come ospite l’Ambasciatore e la moglie, stavolta mangiando svedese.

Infine il post su Facebook della dott.ssa Lo Fiego del Miur ha coronato l’esperienza: “La scuola italiana ha dimostrato grandi capacità creative, professionali, innovative e una grande, grandissima passione… Grazie alla delegazione Miur, all’Ambasciata italiana e al Sindaco di Policoro, una delle amministrazioni che hanno partecipato al Progetto, abbiamo fatto squadra ed i nostri studenti ci hanno resi orgogliosi di essere italiani!”.