Vittoria, ecco il regolamento del Mercato. Nicosia: “Legalità e trasparenza”

Vittoria, ecco il regolamento del Mercato. Nicosia: “Legalità e trasparenza”

VITTORIA – Un traguardo tanto atteso e finalmente raggiunto. La giunta comunale ieri ha dato il via libera allo schema di regolamento per il Mercato ortofrutticolo, uno dei più grandi e produttivi d’Europa.

Parecchie erano state le polemiche intorno al regolamento con le stilettate del senatore Lumia che in un’interrogazione parlamentare aveva accennato anche alle vicende del passato che riguardavano l’ex assessore Piero Gurrieri.

Spesso, dopo inchieste giornalistiche e delle forze dell’ordine, il Mercato vittoriese è balzato agli onori della cronaca per infiltrazioni criminali e per una certa “permeabilità” nel settore dei trasporti, senza dimenticare le polemiche sulla doppia attività dei concessionari, sulla formazione del prezzo e sui passaggi di proprietà dei box.

“Si tratta di un regolamento – ha spiegato il sindaco Giuseppe Nicosia – atteso dal 1971. Adesso la palla passerà al consiglio comunale e credo che al massimo entro un mese e mezzo passerà al vaglio del civico consesso”.

Il sindaco ha sottolineato l’importanza dei maggiori controlli previsti agli ingressi, dello “schema di legalità” presente dentro il regolamento e del codice dei contratti per tutte le garanzie del caso.

“Oggi con il regolamento – aggiunge Nicosia – abbiamo recuperato un ritardo storico. Spero che adesso l’iter sia rapido e non ci sono più alibi per nessuno”.

Il comandante della Polizia Municipale Cosimo Costa ha illustrato nel dettaglio gli oltre 50 articoli presenti nel regolamento e ha specificato che non saranno ammessi al mercato chi è inibito secondo l’articolo 71 della legge 59/2010.

In pratica chi avrà condanne passate in giudicato non potrà accedere al Mercato. In più Costa ha specificato che vi saranno severi controlli per evitare “la formazione di cordate interne al Mercato” e che, grazie all’articolo 20, saranno vietate le vendite di derrate tra i commissionari.

Maggiore trasparenza si avrà anche sui passaggi di proprietà dei box. “Noi qualche giorno fa – spiega Costa – abbiamo approvato la bozza di un bando per l’assegnazione di sei box riguardo sei revoca di cui due fatte dalla polizia municipale con processi poco chiari riguardo le concessioni. Il regolamento disciplina quali cose è possibile fare. Si tratta di atti concessori e quindi non sono proprietà”.

Soddisfazione è stata espressa anche dal neo assessore allo sviluppo economico e all’agricoltura Lisa Pisani che ha parlato di una “regolamentazione che favorirà il buon clima all’interno del mercato e porterà gli operatori commerciali a operare in assoluta serenità”.

 

Commenti