Servizi sociali, lavoratori senza stipendio da 8 mesi. “Occorre intervenire urgentemente”

Servizi sociali, lavoratori senza stipendio da 8 mesi. “Occorre intervenire urgentemente”

CATANIA – Esprime forte preoccupazione la presidente della commissione servizi sociali del Comune di Catania Erika Marco in merito al gravissimo stato di disagio che attraversa il comparto dei servizi sociali a seguito dei notevoli ritardi nei pagamenti delle spettanze da parte dell’Amministrazione Comunale.

A oggi, i lavoratori, sono fermi al bimestre maggio/giugno 2016, con un ritardo di 8 mesi.

“È inconcepibile che madri e padri di famiglia, che puntualmente ogni giorno prestano un opera lavorativa di indiscutibile valore sociale, siano dimenticati dalle istituzioni. Questa situazione – aggiunge la Marco – pone gli enti convenzionati in condizioni di insostenibilità economico-gestionale tale da non poter continuare ad assicurare il regolare svolgimento dei servizi e soddisfare le esigenze dei lavoratori del settore, e assume carattere di particolare criticità per il comparto degli IEA – Istituti Educativo Assistenziali – già interessati in questi ultimi anni da forti tagli al capitolo di bilancio con conseguente riduzione dei livelli di assistenza”.

Solo per l’anno scolastico 2016/2017 lo stanziamento in bilancio del capitolo di spesa 3739 è stato ridotto a 3.500.000,00 euro con una riduzione dei minori assistiti a 372 di cui 170 assegnati all’Istituto “Mary Poppins” e i restanti 202 ripartiti ai restanti Istituti convenzionati: tale riduzione ha determinato anche la chiusura di 6 centri, con un impoverimento di presenza attiva e di servizio in quartieri a particolare disagio della città.

“Alla luce di ciò temo – sottolinea la presidente – che il servizio IEA, nonostante l’importanza che riveste nel territorio quale luogo di crescita e di formazione dei giovani, presidio di legalità e di contrasto all’insorgere della devianza per tanti giovani in situazioni di particolare disagio sociale e culturale, possa essere ulteriormente ridimensionato da tagli sul relativo capitolo di bilancio. Per questo chiedo – conclude la Marco – che l’Amministrazione possa farsi carico di questa situazione ma soprattutto che faccia proprie le preoccupazioni e le istanze rappresentate dall’Uneba al fine di ridare dignità e prospettive di rilancio al servizio IEA”.

Commenti