Rivoluzione nella sanità regionale: stanziati 85 milioni di euro per nuove attrezzature

Rivoluzione nella sanità regionale: stanziati 85 milioni di euro per nuove attrezzature

PALERMO – Il periodo che la Sicilia si sta trovando ad affrontare ha messo in luce l’importanza di effettuare investimenti nel settore della sanità.


Sotto la spinta del presidente della Regione, Nello Musumeci, l’assessore Ruggero Razza ha firmato un decreto che dà avvio a un percorso di modernizzazione della sanità regionale, apportando modifiche radicali in materia di strumentazione.


Le apparecchiature oggi in uso nei vari presidi ospedalieri provinciali risultano essere troppo obsoleti e per questo motivo è necessario compiere una rivoluzione in questo senso, perché secondo Musumeci un investimento sulla sanità equivale a un investimento sul futuro.


I fondi stanziati dalla Regione ammontano a 85 milioni di euro che verranno ripartiti in 18 strutture dell’isola. All’Asp Agrigento verranno erogati 3,7 milioni di euro, all’Asp Caltanissetta 2,9 milioni di euro, all’Asp Catania 5,7 milioni di euro, all’Asp di Enna 1,9 milioni di euro, all’Asp di Messina 4 milioni di euro, all’Asp di Palermo 9,1 milioni di euro, all’Asp di Ragusa un milione di euro; all’Asp di Siracusa 2,9 milioni di euro, all’Asp di Trapani 4,6 milioni di euro.



Inoltre, al Policlinico Rodolico San Marco di Catania verranno erogati 3,1 milioni di euro, al Policlinico Martino di Messina 3,3 milioni di euro, al Policlinico Giaccone di Palermo, 6,6 milioni di euro, Cefpas di Caltanissetta 4 milioni di euro, all’Ospedale Garibaldi di Catania, 6,9 milioni di euro, all’Ospedale Cannizzaro di Catania 3,2 milioni di euro, all’Ospedale Papardo di Messina 7,7 milioni di euro,  all’Ospedale Villa Sofia-Cervello di Palermo 6,4 milioni di euro, all’Ospedale Civico di Palermo, 8 milioni di euro.

Immagine di repertorio