Presunte irregolarità prima del voto nel Trapanese, Ingroia al Prefetto: "Sensibilizzare le forze dell'ordine"

Presunte irregolarità prima del voto nel Trapanese, Ingroia al Prefetto: “Sensibilizzare le forze dell’ordine”

Presunte irregolarità prima del voto nel Trapanese, Ingroia al Prefetto: “Sensibilizzare le forze dell’ordine”

CAMPOBELLO DI MAZARA – Riceviamo e pubblichiamo integralmente un comunicato pervenutoci da parte del comitato di Antonio Ingroia, candidato sindaco per Campobello di Mazara (Trapani), su alcune presunte irregolarità pre-lettorali.


Vigilia del voto infuocata. Ci sarebbero in atto già numerose irregolarità da parte di alcuni candidati. Tantissime le segnalazioni che stanno arrivando al comitato di Antonio Ingroia. Molte segnalazioni racconterebbero che lo staff del sindaco uscente Giuseppe Castiglione stia utilizzando gli elenchi elettorali per contattare i cittadini e invitarli a votare domenica e lunedì“, si legge nella nota.


Se confermato sarebbe un atto gravissimo. Intanto Antonio Ingroia ha invitato il sindaco uscente a smentire queste voci e a verificare eventualmente se nel suo staff qualcuno si muova a sua insaputa, ma non è arrivata nessuna risposta“.

Oggi – racconta Ingroia – ho scritto al prefetto di Trapani per vigilare sul corretto svolgimento delle elezioni che si terranno questa domenica e lunedì. Già in passato come documentato dagli organi inquirenti la mafia ha cercato di condizionare l’esito del voto e c’è riuscita con la connivenza della politica“.

In passato la quotazione di un voto a Campobello è stata tra i 20 e i 30 euro. La mafia, la malapolitica e il malaffare affamano la gente e ne approfittano – conclude Ingroia – durante le elezioni“. Alleghiamo di seguito la lettera inviata al Prefetto di Trapani e ricevuta dalla nostra redazione.

Immagine in evidenza di repertorio