Pif lancia l’ultimatum a Crocetta: “Trova i soldi o dimettiti!”

Pif lancia l’ultimatum a Crocetta: “Trova i soldi o dimettiti!”

PALERMO – Non abbiamo più pazienza. Siamo incazzati!“. È un Pif battagliero e alterato quello che ieri ha alzato la voce prima al telefono e poi durante un acceso faccia a faccia con il presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta.

Il “pomo della discordia” è l’assistenza ai disabili. Tutto era nato oltre un anno fa quando, grazie a un servizio della trasmissione televisiva “Le Iene, si erano accesi i riflettori sulla storia dei due fratelli Pellegrino, Alessio e Gianluca, di 24 e 34 anni, entrambi tetraplegici e non autosufficienti, che vivono da soli e senza assistenza, aiutati solo dagli amici più stretti. 

Grazie alla troupe di Mediaset era stato possibile incontrare l’assessore regionale alle Politiche Sociali, Gianluca Miccichè, che aveva promesso ai due fratelli l’assistenza di cui necessitavano. 

Ma da allora nessuna promessa è stata mantenuta. Le Iene sono, quindi, tornate a chiedere spiegazioni all’assessore che, dopo averli fatti attendere per ore al freddo, ha abbandonato di nascosto l’edificio. Dopo il servizio andato in onda, Miccichè ha tentato di salvare la reputazione andando personalmente in casa dei fratelli Pellegrino. Il loro incontro, però, è stato ripreso da una telecamera nascosta. Il video trasmesso in prima serata su Italia Uno ha creato non pochi imbarazzi a palazzo d’Orleans: le immagini, infatti, riprendono il colloquio tra i fratelli, gli amici che forniscono loro volontariamente assistenza e l’assessore che, capendo la gravità della situazione in cui si è “cacciato”, e sapendo di rischiare la poltrona, ha detto ai ragazzi che avrebbe garantito loro l’assistenza, ma solo nel caso in cui fosse riuscito a mantenere la carica attraverso il loro sostegno mediatico. 

Bufera e dimissioni di Miccichè che arrivano immediate all’indomani della trasmissione. La patata bollente passa quindi al governatore Crocetta. A scendere in prima fila per difendere i diritti dei disabili il regista, attore ed ex Iena, Pif, al secolo Pierfrancesco Diliberto. Solo così l’attenzione mediatica porta davanti gli occhi di tutti la situazione drammatica e al limite del vivibile dei 3680 disabili siciliani privi di assistenza

Tra i due lo scontro è duro fin dalla telefonata mattutina che viene ripresa da numerosi giornalisti, mentre Pif, otto disabili, tra cui i fratelli Pellegrino, e i loro parenti occupano simbolicamente la Presidenza di palazzo d’Orleans. I toni sono accesi e lo restano pure durante l’incontro nel pomeriggio a palazzo d’Orleans documentato dalle numerose dirette apparse su Facebook

Esasperato dalla scusa classica del “non ci sono i fondi necessari” e  dalle facili e solite promesse del governatore, Pif sbotta e chiede le sue dimissioni se tra due mesi la situazione non avrà ancora trovato soluzione. La risposta di Crocetta è dapprima un serafico “no“, per poi trasformarsi in un urlato “non mi ricattare!“.

Il governatore, dopo aver rifiutato la richiesta dei familiari dei disabili di limitarsi a trovare i finanziamenti per pagare le cooperative già esistenti, ha detto che porterà avanti un suo progetto che prevede l’impiego di precari regionali da formare attraverso corsi da assistente sociosanitario di 40 ore. Una scelta che ha destato parecchie perplessità e che rischia di ritorcersi contro Crocetta se tra due mesi, in piena campagna elettorale, i disabili saranno ancora costretti a vivere senza assistenza. 

Commenti