Mozione di sfiducia fallita: Renato Accorinti è ancora sindaco

Mozione di sfiducia fallita: Renato Accorinti è ancora sindaco

MESSINA – Sembrava vacillare la sua poltrona, ma Renato Accorinti trova la stabilità proprio in quei giorni che erano destinati a mettere fine al suo mandato.

La votazione ha visto ventitré favorevoli alla sfiducia, solo dieci contrari, ma questo non è stato sufficiente. Per sfiduciare il sindaco servono i due terzi del consiglio ovvero 27 voti. Quindi nessun cambiamento in vista: resta sindaco di Messina e lo sarà fino a naturale scadenza nel 2018.

Il consiglio comunale ha espresso il suo parere alle 3 e mezza della scorsa notte dopo una seduta lunga e dai nervi tesi. Ciò che più ha lasciato sorpresi è stato il favore di una parte consistente dei consiglieri di Francantonio Genovese, che da poco è stato condannato per lo scandalo corso d’oro.

Erano stati proprio loro a fare in modo che la mozione arrivasse in aula e, invece, all’improvviso un cambio di programma: in quattro alla fine si sono astenuti dal voto. Non a caso mancavano solo quattro voti per raggiungere il quorum e mandare a casa il sindaco.

Commenti