Investimenti per 120 milioni di euro per la sanità siciliana, Musumeci: “Recuperare il tempo perduto”

Investimenti per 120 milioni di euro per la sanità siciliana, Musumeci: “Recuperare il tempo perduto”

PALERMO – Nuovi investimenti per le infrastrutture della sanità siciliana dopo l’approvazione da parte del governo Musumeci di una misura che ha reimpiegato oltre 120 milioni di euro, derivanti dalla certificazione del programma europeo 2007-2013, in un Piano che prevede 34 interventi sul territorio regionale.


Secondo quanto previsto nel programma sviluppato dal governo regionale vi sarà: la rifunzionalizzazione del Cefpas di Caltanissetta, già annunciata settimana scorsa, per una spesa pari a 28 milioni di euro; manutenzione straordinaria dell’ex Cres di Monreale (Palermo) che, così, diventerà la sede palermitana del Cefpas (5 milioni euro); completamento del nuovo ospedale di Ragusa (35 milioni euro); investimenti per rendere fruibile l’ex Cis di Pergusa a Enna.


Oltre a queste significative azioni di riqualifica delle strutture della sanità siciliana, all’interno del piano sviluppato dalla Regione, prevista anche la realizzazione del nuovo padiglione all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale “Mirri” (10 milioni di euro) con i laboratori di biologia molecolare e il centro informatico e la riqualificazione del Cto di Palermo al fine di costituito l’Istituto regionale per le malattie infettive e, infine, la ristrutturazione del Padiglione 10 dell’Ospedale Civico di Palermo (10 milioni di euro) destinato alle nuove attività comuni dell’Ismett e dell’Arnas.


Sul nuovo programma di investimenti, il presidente Musumeci ha detto che farà in modo di far recuperare del tempo perduto, migliorando infrastrutture e tecnologie sanitarie.



L’assessore Ruggero Razza, riprendendo quanto detto da Musumeci, ha anche aggiunto che nei prossimi mesi provvederanno a ulteriori interventi, con l’obiettivo di creare il primo cluster sanitario del meridione.

Fonte immagine: novaranotizie.it