Emergenza migranti, Musumeci si scaglia contro Roma: “Il governo lo sapeva da marzo ma non ha fatto nulla”

Emergenza migranti, Musumeci si scaglia contro Roma: “Il governo lo sapeva da marzo ma non ha fatto nulla”

PALERMO – Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, è letteralmente furioso per l’emergenza migranti che sta interessando l’Isola da qualche settimana. Tra le altre cose, sarebbero emersi nuovi dettagli che avrebbero fatto incrinare ancora di più i rapporti con il governo.


Nel dettaglio, l’arrivo dei migranti sarebbe stato già previsto lo scorso marzo, quindi ci sarebbe stato tutto il tempo per definire una strategia d’intervento idonea, a detta del governatore. Ma tutto ciò non è avvenuto.


Si doveva salvaguardare, in primis, la salute di tutti e invece così non è stato. Musumeci, infatti, sostiene che ci sarebbe troppa approssimazione, superficialità e impotenza da parte degli organi di Stato nell’affrontare il fenomeno.



E poi aggiunge che non è vero che dall’hotspot di Lampedusa la situazione sia sotto controllo, dato che lo stesso sindaco dell’Isola ha chiesto lo stato d’emergenza anche per le condizioni sociali ed economiche, non solo per quelle di salute. A questa richiesta, però, inviata da Musumeci, Roma non ha risposto.

Una situazione che diventa sempre più ingestibile. Forte l’appello – ennesimo – di Musumeci: “Non possiamo farci carico solo noi di tutto questo. La pazienza e la sopportazione sono nel nostro codice genetico, ma anche queste hanno un limite. L’Europa cinica che si gira dall’altra parte ogni tanto dovrebbe guardare anche verso il Mediterraneo“.


Fonte immagine: Facebook – Nello Musumeci