Covid-19, l’Assessore Razza rassicura: “Sicilia penultima regione in Italia per tasso di mortalità”

Covid-19, l’Assessore Razza rassicura: “Sicilia penultima regione in Italia per tasso di mortalità”

PALERMO – La Sicilia è penultima in Italia per tasso di mortalità“. Questo è quanto affermato dall’Assessore regionale alla Salute Ruggero Razza all’Ars, riportando alcuni dati inerenti all’emergenza Coronavirus.

La prima provincia è Catania – ha detto – poi Messina, Palermo e a seguire le altre province che oscillano da un massimo di 7 casi di decessi a un minimo di 3. L’età media è di 77,5 anni e una parte consistente di coloro che hanno perso la vita perché positivi presentava patologie preesistenti”


L’andamento della curva del contagio da coronavirus in Sicilia ha mostrato il massimo dei casi positivi il 22 di marzo, dopo ha iniziato una fase di decrescita. Sul piano della valutazione dell’incidenza dei casi positivi è già possibile – ha spiegato – tracciare un primo profilo” dei pazienti colpiti: ad oggi l’eta’ media è di 57 anni e si osserva una particolare una prevalenza dei soggetti di eta’ compresa fra i 50 e i 69 anni, che rappresentano il 40% del totale“.

Riguardo ai tamponi Razza ha detto che “negli ultimi giorni le prove a tampone effettuate sono aumentate e oggi si arriverà a 25mila. Ad oggi siamo a una potenzialità di circa 1800 esami al giorno“, mentre in attesa della “fase 2”, ha invece affermato che il contenimento sociale resta la misura principale, mentre si prevedono i tamponi sui soggetti individuati, test sierologici e altri strumenti di indagine su larga scala.



Immagine di repertorio