Con Santana il Palermo ridiventa squadra e contro il Bisceglie torna al successo

Con Santana il Palermo ridiventa squadra e contro il Bisceglie torna al successo

PALERMO – Si è riaccesa la luce al Barbera! Ieri pomeriggio contro il Bisceglie, dopo aver rischiato il tracollo per quel gol al 7° di Rocco, che aveva inopinatamente portato in vantaggio i pugliesi, il Palermo è tornato al successo dopo oltre un mese di pareggi e sconfitte.

I meriti del 3-1 finale per i rosanero vanno principalmente a Santana e a Lucca, il più “vecchio” e il più giovane tra i giocatori a disposizione di Boscaglia.


Santana, schierato a centrocampo nella riproposizione del 4-3-3, con la sua classe, a dispetto dei dati anagrafici, ha dato lucidità e fantasia ad un settore apparso troppo spesso privo di idee. Insieme a De Rose e a Luperini, a cui sono state delegate le funzioni di interdizione e di corsa, l’argentino ha avuto il grosso merito di fornire gli assist a Lucca per il gol del pareggio al 14° e a Luperini per il raddoppio al 37°.

Il terzo gol, ancora di Lucca all’84° ha chiuso la partita. In mezzo ci sono state, come tante altre volte, una miriade di occasioni fallite che hanno tenuto la gara aperta e i cuori rosanero in subbuglio.

Onore anche a Boscaglia per essere riuscito a resistere alle tentazioni di cambiare modulo e per aver dato fiducia a Santana, assente da tempo dalla formazione titolare, con la certezza che i piedi buoni possono fare la differenza.

L’altro eroe della giornata, Lorenzo Lucca, ha impressionato per la sua potenza fisica. Se riuscirà ad acquistare maggiore freddezza sotto porta, diventerà quel gran giocatore di cui adesso si vedono solo le prime prodezze.

In ultimo, una giusta menzione per Luperini, non solo per il gol importantissimo segnato, ma anche per la costanza con cui continua a migliorare di partita in partita.