"Mimì, ma tu mi ci vedi a lasciare Vigata, così, di punto in bianco?"

“Mimì, ma tu mi ci vedi a lasciare Vigata, così, di punto in bianco?”

“Mimì, ma tu mi ci vedi a lasciare Vigata, così, di punto in bianco?”

RAGUSA –Vogliamo babbiare?” avrebbero detto Giuseppe Fazio e Mimì Augello nel vedere la valigia pronta sull’uscio della porta. Il commissario Montalbano ha fatto i bagagli e potrebbe lasciare Vigata senza fare “Né ai né bai”. In città non si parla d’altro e ci si chiede cosa sia successo…


Sarebbe stato un intrigante inizio per una nuova puntata. Stavolta, però, lasciamo che sia l’immaginazione a trovare un finale ad effetto e concentriamoci sul vero motivo per cui Montalbano potrebbe lasciare la Sicilia.

La casa produttrice della celebre fiction, infatti, sembra sia intenzionata a cambiare location.


Il commissario straordinario della provincia di Ragusa, Carmela Floreno, ha presieduto l’assemblea dei soci della Film Commission Ragusa, per discutere delle azioni e delle manovre da attuare per scongiurare il “trasloco” in Puglia. Ha inoltre esortato i sindaci della provincia di Ragusa a “mettere in campo azioni incisive per bloccare il trasferimento“.

I sindaci, da parte loro, non se lo sono fatto ripetere due volte e sono già a lavoro per definire una proposta unitaria da sottoporre alla produzione. Oltre alla possibilità di creare una casa-museo a Noto, non è escluso che il Comune di Ragusa decida di destinare parte della tassa di soggiorno alla realizzazione della fiction.

Tra le proposte, anche quella di avviare un dialogo con la Regioneaffinché si possa avere un confronto franco con il produttore Piero Degli Esposti, partendo da basi solide e convincenti” – commenta il commissario Floreno.

Visto che le cose non si fanno mai a metà, quel finale che abbiamo lasciato in sospeso occorre trovarlo. Nella speranza che sia di buon auspicio, lo abbiamo immaginato così:

Mimì, ma tu mi ci vedi a lasciare Vigata, così, di punto in bianco? disse il commissario Montalbano intento a disfare le valigie.