Palermo, il capoluogo italiano con minore affluenza ai seggi elettorali

Palermo, il capoluogo italiano con minore affluenza ai seggi elettorali

PALERMO – I cittadini siciliani oltre che per le elezioni nazionali, sono chiamati a votare per il nuovo Presidente della Regione e i deputati dellArs.

Lo scrutinio delle elezioni regionali inizierà domani alle ore 14 e secondo i dati del Viminale nel capoluogo di Palermo l’affluenza di elettori risulta la più bassa che nel resto d’Italia.


In Sicilia il dato dei votanti delle ore 12 è pari al 12,54%, per eleggere il nuovo presidente della regione e rinnovare l’assemblea regionale.

Mentre il dato per il voto alla Camera e Senato, è del 14,77%, a causa dei voti degli italiani all’estero che non votano per le regionali.

Si è votato di più in provincia di Messina, 14,55%, di meno in quella di Agrigento, 9,4%. In entrambi i casi, comunque l’affluenza è stata maggiore di quella registrata alle regionali del 2017.

Sempre rispetto ai dati delle ore 12 del Ministero dell’Interno l’affluenza nei vari capoluoghi di regione dItalia è la seguente:

  • Aosta                    19,92%
  • Torino                   17,53%
  •  Milano                   21,16%
  • Bolzano                 21,42%
  • Trento                    21,04%
  • Trieste                   17,66%
  • Venezia                 22,37%
  • Genova                  21,81%
  • Bologna                 23,82%
  • Firenze                   25,65%
  • Ancona                  22,00%
  • Perugia                   21,45%
  • Roma                      22,29%
  • L’Aquila                   19,88%
  • Campobasso        13,87%
  •  Napoli                    11,45%
  • Bari                         20,99%
  • Catanzaro             15,49%
  • Potenza                 17,15%
  • Palermo                 15,52%
  • Cagliari                   17,79%.

Il dato più basso si registra a Palermo con 15,52% e il più alto a Firenze 25,65%.

Foto di repertorio